Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.240,95
    +199,36 (+1,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,22 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1963
    +0,0050 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8988
    +0,0072 (+0,81%)
     
  • EUR/CHF

    1,0818
    +0,0021 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,5529
    +0,0028 (+0,18%)
     

Gentiloni: "Solo Germania e Polonia a livelli precrisi entro fine 2022"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Tra i maggiori Stati dell'Ue, "solo Germania e Polonia si prevede che raggiungano o superino i rispettivi livelli di Pil pre-pandemia entro la fine del 2022". Lo sottolinea il commissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni, presentando in videoconferenza stampa a Bruxelles le previsioni economiche d'autunno caratterizzate quest'anno da rischi "eccezionalmente grandi".

La pandemia di Covid-19 "potrebbe aggravarsi e durare più a lungo. In questo caso, nel 2021 occorreranno misure di contenimento più stringenti e prolungate, cosa che porterebbe a una crescita più bassa e ad una disoccupazione più elevata, lasciando cicatrici più profonde nelle imprese", ha detto ancora Gentiloni.

"Non abbiamo mai fatto affidamento su una ripresa a V", cioè una ripresa rapida dopo una brusca caduta del Pil in Europa. "Ora sappiamo con certezza che non ce l'avremo", ha sottolineato.

Se i tempi previsti per le ratifiche nazionali della decisione sulle risorse proprie Ue "non subiranno ritardi, credo che l'approvazione dei piani nazionali di ripresa e di resilienza, con l'erogazione del 10% dei prestiti e dei trasferimenti, potrà avvenire entro la tarda primavera del 2021", ha poi affermato il commissario europeo all'Economia.

Certo, conclude,"non è una previsione comoda e rilassata: comporta un impegno continuo" da parte delle istituzioni europee per rispettare la tabella di marcia.