Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.766,04
    -211,10 (-1,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Gerb si avvia a vincere in Bulgaria ma senza alleati

NIKOLAY DOYCHINOV / AFP

AGI - Il partito conservatore dell'ex primo ministro bulgaro Boyko Borisov si avvia a vincere le elezioni parlamentari in Bulgaria, almeno secondo gli exit poll, ma potrebbe avere difficoltà a trovare partner per governare.

Le proiezioni mostrano che il suo partito Gerb è riuscito a ottenere tra il 24,6 e il 25,5% dei voti. Il principale rivale, il partito riformista

 

Bulgaria, national parliament election today:

Trend exit polls projects that the liberal and Turkish minority interest DPS (RE) party receives 14.8%. This is equal to DPS' election result in 2014 which was its best result ever.#Избори #Избори2022 #BulgarianElections pic.twitter.com/vasqOzsFmN

— Europe Elects (@EuropeElects) October 2, 2022

 

Continuiamo il Cambiamento, guidato dal premier uscente Kiril Petkov, la cui coalizione è caduta a giugno proprio per una mozione di sfiducia presentata da Gerb, è seconda, con un consenso che oscilla tra il 18,9e il 19,9% dei voti. Se questi risultati venissero confermati, ma bisognerà attendere qualche giorno, si schiuderà una fase difficile con negoziati complicati; e dunque uno scenario destinato a prolungare l'instabilità politica e anche il rischio che il governo di Sofia manchi la data obiettivo, il 2024, come scadenza per l'ingresso nell'area dell'euro.

La Bulgaria è il Paese più povero e considerato il più corrotto dell'Ue, a cui appartiene dal 2008, mentre dal 2004 fa parte della Nato. Durante l'era comunista, era il Paese più vicino all'Unione Sovietica e ancora oggi una parte significativa della popolazione si considera vicina alla Russia. La dipendenza energetica e le relazioni con Mosca hanno dominato la campagna elettorale.

Anche perché l'ultimo governo bulgaro, guidato dall'europeista Petkov, ha cercato di porre fine a questa dipendenza, che ha definito uno "strumento del Cremlino" per interferire nella vita politica del Paese balcanico; e il suo governo, al potere tra dicembre 2021 e giugno scorso, ha espulso 70 diplomatici russi per presunto spionaggio dopo che il monopolista di stato russo Gazprom ha interrotto le spedizioni di gas naturale nel Paese a fine aprile.

Borisov è stato il politico più importante del Paese balcanico negli ultimi 13 anni, ma è una figura polarizzante. Un passato da pugile e guardia del corpo (è stata la guardia del corpo dell'ultimo dittatore comunista, Todor Zhivkov), già dopo le tre elezioni precedenti ha faticato a trovare qualcuno che lo sostenesse. Il suo ultimo governo è stato scosso da grandi proteste popolari, nel 2020 e nel 2021, alimentate da diversi scandali di corruzione.

Per i sostenitori, Borisov ha migliorato il Paese con investimenti in infrastrutture, strade e ospedali, ed è un politico molto apprezzato nella famiglia del Partito popolare europeo. Per i suoi critici, ha sviluppato un sistema clientelare e corrotto - anche vicino alla criminalità organizzata - che spiegherebbe gran parte del successo elettorale del Gerb; lo accusano anche di non avere un progetto e di agire in modo personalistico e anarchico. Borisov nega le accuse e sostiene che è tutto un complotto politico per eliminarlo dalla scena politica.

Nel suo messaggio elettorale ha sostenuto che la Bulgaria è "nel caos" e contrapposto la sua esperienza a quella di Petkov, accusandolo di aver sabotato tutto ciò che è stato realizzato dai suoi governi. E si è mostrato con un'immagine di "uomo del popolo", capace di comunicare con il popolo, a volte in modo rude e maschilista, ma che non nasconde le sue umili origini.  Il suo rivale Petkov ha comunque già rifiutato ogni alleanza con l'uomo che ai suoi occhi incarna il "passato corrotto" della Bulgaria.