Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.259,30
    -199,02 (-0,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Germania, attività economica si deteriora a gennaio - PMI

Operaio siderurgico al forno dell'acciaieria ThyssenKrupp di Duisburg

BERLINO (Reuters) - La debolezza economica della Germania è peggiorata questo mese, con una contrazione dell'attività sia manifatturiera che dei servizi.

L'indice HCOB German Flash Composite Purchasing Managers' Index (Pmi), compilato da S&P Global, ha segnato il settimo calo consecutivo a 47,1 in gennaio rispetto al 47,4 di dicembre, al di sotto del 47,8 previsto dagli economisti.

Una lettura inferiore a 50 indica una contrazione dell'attività.

L'indice Pmi composito tiene conto dei settori dei servizi e dell'industria manifatturiera che insieme rappresentano più di due terzi dell'economia tedesca.

"La Germania ha affrontato un inizio di anno fiacco", ha detto Cyrus de la Rubia, capo economista della Hamburg Commercial Bank.

L'attività delle imprese nel settore dei servizi si è contratta a gennaio a 47,6, minimo di cinque mesi, da 49,3 di dicembre, al di sotto delle previsioni degli analisti di 49,5.

"L'attività dei servizi non solo è diminuita per il quarto mese consecutivo, ma ha anche accelerato la flessione", ha detto de la Rubia.

Il Pmi manifatturiero è invece salito a 45,4 dai 43,3 di dicembre, superando le aspettative degli analisti di 43,7, ma restando ancora in territorio di contrazione.

L'indagine ha evidenziato una persistente debolezza della domanda su larga scala ma con ricadute limitate sul mercato del lavoro.

Le deviazioni delle rotte del Mar Rosso stanno avendo un impatto sulla filiera del settore manifatturiero, come evidenziato dal forte calo del sottoindice dei tempi di consegna, ha detto de la Rubia.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Gianluca Semeraro)