Italia markets open in 4 hours 42 minutes
  • Dow Jones

    34.764,82
    +506,50 (+1,48%)
     
  • Nasdaq

    15.052,24
    +155,40 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    30.154,55
    +515,15 (+1,74%)
     
  • EUR/USD

    1,1745
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    37.867,27
    +481,76 (+1,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.112,32
    +3,40 (+0,31%)
     
  • HANG SENG

    24.430,63
    -80,35 (-0,33%)
     
  • S&P 500

    4.448,98
    +53,34 (+1,21%)
     

Germania, crescita 2021 potrebbe mancare attese Bundesbank

·1 minuto per la lettura
Una bandiera tedesca a Berlino

FRANCOFORTE (Reuters) - La crescita economica in Germania potrebbe mancare le proiezioni per quest'anno e il nuovo picco della pandemia di coronavirus potrebbe porre pressioni inattese sull'economia in autunno, si legge nel resoconto mensile della Bundesbank.

La prima economia europea dovrebbe crescere del 3,7% quest'anno e del 5,2% nel 2022 ma le prime settimane della ripresa sono risultate più moderate del previsto, e ciò probabilmente influenzerà i dati annuali, secondo Bundesbank.

La Germania vedrà probabilmente una solida espansione durante l'estate, con i servizi stimolati dalla revoca delle restrizioni in seguito al calo dei contagi, a sostegno delle entrate nel settore turistico.

Anche se alcune restrizioni potrebbero essere introdotte nuovamente in autunno, se le infezioni continueranno a salire, si prevede che saranno meno severe, dato il progresso del programma di vaccinazione della popolazione in Germania, ha aggiunto la banca centrale tedesca.

Tuttavia, un calo del ritmo delle vaccinazioni rappresenta un rischio e gli indicatori del sentiment suggeriscono un clima di alta tensione, che vede l'Europa alle prese con la più contagiosa variante Delta del Covid-19.

"La variante Delta e un calo nelle dinamiche di vaccinazione potrebbero condurre nuovamente a misure protettive più rigide", si legge nel report Bundesbank. "Ciò aumenterebbe le pressioni sull'economia nel trimestre autunnale", ha aggiunto l'istituto.

La Bundesbank ha ribadito le stime precedenti sull'inflazione, che potrebbe toccare il 5% verso la fine dell'anno, un dato ben oltre il target del 2% della Banca centrale europea, pur prevedendo una rapida contrazione all'inizio del prossimo anno.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Roma Stefano Bernabei, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli