Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    34.580,52
    +262,42 (+0,76%)
     
  • Dow Jones

    40.000,90
    +247,10 (+0,62%)
     
  • Nasdaq

    18.398,45
    +115,04 (+0,63%)
     
  • Nikkei 225

    41.190,68
    -1.033,32 (-2,45%)
     
  • Petrolio

    82,18
    -0,03 (-0,04%)
     
  • Bitcoin EUR

    55.073,45
    +1.218,02 (+2,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.248,39
    +49,82 (+4,16%)
     
  • Oro

    2.416,00
    -4,70 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,0889
    +0,0019 (+0,17%)
     
  • S&P 500

    5.615,35
    +30,81 (+0,55%)
     
  • HANG SENG

    18.293,38
    +461,08 (+2,59%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.043,02
    +66,89 (+1,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8389
    -0,0024 (-0,29%)
     
  • EUR/CHF

    0,9728
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4843
    +0,0031 (+0,21%)
     

Germania, manifattura resta debole a febbraio, ma segnali positivi -Pmi

La bandiera nazionale tedesca sventola davanti al palazzo del Reichstag a Berlino

BERLINO (Reuters) - L'attività manifatturiera tedesca ha continuato a ridursi nel suo complesso a febbraio, ma per la prima volta in nove mesi si è registrato un incremento della produzione, grazie all'allentamento dei colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento, secondo un sondaggio pubblicato oggi.

L'indice finale dei responsabili degli acquisti (Pmi) di S&P Global per il settore manifatturiero, che rappresenta circa un quinto dell'economia tedesca, è sceso a 46,3 a febbraio, da 47,3 a gennaio. Si tratta del dato più basso degli ultimi tre mesi ed è rimasto al di sotto del livello di 50 che separa la crescita dalla contrazione. Tuttavia, S&P Global ha rilevato alcuni segnali incoraggianti.

"L'allentamento delle pressioni sulla catena di approvvigionamento è sottolineato non solo da un miglioramento record dei tempi di consegna, ma anche dal primo calo dei prezzi di acquisto da quasi due anni e mezzo a questa parte, mentre il pendolo del potere di determinazione dei prezzi torna a oscillare in direzione degli acquirenti", ha detto Phil Smith, direttore economico associato di S&P Global Market Intelligence.

Se da un lato ci sono stati degli aspetti positivi sul fronte dell'offerta, dall'altro la domanda è rimasta sotto pressione, con i nuovi ordini che hanno continuato a diminuire, secondo il rapporto.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)