Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 52 minutes
  • FTSE MIB

    34.439,06
    +69,87 (+0,20%)
     
  • Dow Jones

    41.053,19
    +98,71 (+0,24%)
     
  • Nasdaq

    18.097,24
    -412,10 (-2,23%)
     
  • Nikkei 225

    41.097,69
    -177,39 (-0,43%)
     
  • Petrolio

    82,19
    +1,43 (+1,77%)
     
  • Bitcoin EUR

    59.598,64
    +1.371,70 (+2,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.348,52
    +6,19 (+0,46%)
     
  • Oro

    2.475,60
    +7,80 (+0,32%)
     
  • EUR/USD

    1,0939
    +0,0036 (+0,33%)
     
  • S&P 500

    5.602,67
    -64,53 (-1,14%)
     
  • HANG SENG

    17.739,41
    +11,43 (+0,06%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.903,92
    -43,91 (-0,89%)
     
  • EUR/GBP

    0,8398
    -0,0003 (-0,04%)
     
  • EUR/CHF

    0,9683
    -0,0060 (-0,61%)
     
  • EUR/CAD

    1,4957
    +0,0057 (+0,38%)
     

Germania, morale consumatori cala inaspettatamente a luglio - GfK

Persone attraversano il centro commerciale Mall of Berlin durante la sua inaugurazione a Berlino.

BERLINO (Reuters) - Il sentiment dei consumatori tedeschi è atteso in leggero calo a luglio, mettendo fine a una serie di aumenti durata quattro mesi, dato che le famiglie, lasciate nell'incertezza dall'aumento dei prezzi e da un'economia che tarda a riprendersi, mostrano una tendenza al risparmio.

L'indice del sentiment dei consumatori, pubblicato congiuntamente da GfK e dall'istituto di Norimberga per le decisioni di mercato (Nim), è peggiorato infatti inaspettatamente a -21,8 per il mese di luglio, rispetto al -21 di giugno, leggermente rivisto.

Gli analisti intervistati da Reuters avevano previsto invece un miglioramento a -18,9.

Questo va ad aggiungersi ad altri indicatori che segnalano un futuro difficile per la prima economia europea, dopo che anche l'indice Ifo sulla fiducia delle imprese e il Pmi composito Hcob hanno subito un calo inatteso questo mese.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

"L'interruzione della recente tendenza al rialzo del sentiment dei consumatori dimostra che il percorso per uscire dal rallentamento dei consumi sarà difficile e che ci possono sempre essere battute d'arresto", ha detto Rolf Buerkl, analista di Nim.

Sia i redditi sia le aspettative economiche sono diminuite moderatamente, mentre la propensione all'acquisto è rimasta a un livello basso e la propensione al risparmio, già elevata, è cresciuta leggermente.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Gianluca Semeraro)