Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.066,55
    -732,56 (-3,36%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,27 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,88 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    27.153,83
    -159,30 (-0,58%)
     
  • Petrolio

    79,43
    -4,06 (-4,86%)
     
  • BTC-EUR

    19.596,06
    -218,01 (-1,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,61
    -9,92 (-2,23%)
     
  • Oro

    1.651,70
    -29,40 (-1,75%)
     
  • EUR/USD

    0,9693
    -0,0145 (-1,47%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.933,27
    -214,68 (-1,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.348,60
    -78,54 (-2,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8927
    +0,0188 (+2,15%)
     
  • EUR/CHF

    0,9509
    -0,0100 (-1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3169
    -0,0093 (-0,70%)
     

Germania, segnalata perdita centrale nucleare, necessarie possibili riparazioni - min Ambiente

Centrale nucleare Isar 2 a Eschenbach, vicino a Landshut

BERLINO (Reuters) - Il gestore della centrale nucleare tedesca Isar 2 ha informato il ministero dell'Ambiente di una perdita nell'impianto, che non ha compromesso la sicurezza ma potrebbe creare complicazioni nel piano energetico invernale del governo.

Lo ha comunicato il ministero, aggiungendo che sarà necessario avviare un periodo di riparazione di una settimana, durante il quale le attività dovranno essere interrotte, affinché la centrale possa essere operativa oltre il 31 dicembre.

Isar 2, situata nello Stato meridionale della Baviera, avrebbe dovuto essere spenta alla fine dell'anno, in base al piano della Germania di rimuovere gradualmente l'energia nucleare.

Tuttavia, la guerra in Ucraina e il conseguente crollo delle importazioni di energia dalla Russia hanno indotto un cambiamento di politica: il governo prevede ora di mantenere in funzione due delle tre centrali nucleari rimanenti fino al prossimo anno.

Il ministero dell'Ambiente ha affermato che sia il ministero dell'Economia che quello dell'Ambiente stanno "esaminando la nuova situazione e le sue implicazioni per la progettazione e l'attuazione della riserva di emergenza".

PreussenElektra, una filiale di E.ON e gestore di Isar 2, ha detto che il reattore potrebbe continuare a funzionare fino alla data di spegnimento prevista, secondo il Ministero dell'Ambiente.

Ma una settimana di arresto delle operazioni sarebbe necessario a ottobre, se l'impianto dovrà funzionare oltre la fine di quest'anno.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Stefano Bernabei)