Italia markets open in 2 hours 26 minutes
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.463,07
    -176,39 (-0,75%)
     
  • EUR/USD

    1,1846
    -0,0021 (-0,18%)
     
  • BTC-EUR

    10.755,46
    +1.426,06 (+15,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    255,42
    +10,53 (+4,30%)
     
  • HANG SENG

    24.699,11
    -55,31 (-0,22%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     

GF, il cantante ci ricasca: bufera per frasi razziste

·2 minuti per la lettura

Dopo le frasi su Mussolini, Fausto Leali ci ricasca: il cantante chiama Enock con il termine “ne*ro” al posto di “nero”, mettendo in imbarazzo i concorrenti della casa del GF Vip e il fratello di Balotelli. Immediata la giustificazione del cantante: “Nero è un colore, mentre ne*ro è la razza”.

Fausto Leali dà del “ne*ro” a Enock

Fausto Leali ne ha combinata un’altra: dopo le frasi su Mussolini, il cantante è scivolato sul delicato tema del razzismo, chiamando Enock con il termine “ne*ro” anziché “nero“.

Il cantante discute con alcuni concorrenti della casa del Gf Vip sulla differenza che intercorrerebbe per lui tra i due termini, utilizzando il più dispregiativo proprio davanti al fratello di Mario Balotelli, scosso come il resto del gruppo per le affermazioni di Leali.

GUARDA ANCHE - Gaffe di Elettra Lamborghini su Fausto Leali

Leali si giustifica

Fausto Leali corre ai ripari, giustificando la sua affermazione: “Nero è un colore, ne*ro è la razza”. A supporto della su tesi, cita anche il suo famoso brano “angelo negro”, giustificazione non condivisa dai partecipanti che restano visibilmente imbarazzati per la situazione.

La reazione di Enock è molto pacata: il fratello di Balotelli spiega i motivi per cui non si debba utilizzare quell’epiteto dal forte connotato razzista: “Da casa ci guardano, non deve passare questa cosa“.

Ho capito cosa vuoi dire ma è una parola che non deve essere detta. Sennò la gente pensa che è normale dirlo, non è normale dirlo perché a me per strada se mi dicono quella cosa lì…” sottolinea infine Enock.