Italia markets open in 2 hours 45 minutes
  • Dow Jones

    34.021,45
    +433,79 (+1,29%)
     
  • Nasdaq

    13.124,99
    +93,31 (+0,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.997,32
    +549,31 (+2,00%)
     
  • EUR/USD

    1,2092
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    40.908,26
    -1.506,55 (-3,55%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.359,71
    -28,19 (-2,03%)
     
  • HANG SENG

    27.981,51
    +262,84 (+0,95%)
     
  • S&P 500

    4.112,50
    +49,46 (+1,22%)
     

Gianni Morandi: "La mia mano destra è gravemente danneggiata, ora sarà una battaglia"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
Gianni Morandi: "La mia mano destra è gravemente danneggiata, ora sarà una battaglia"
Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

“A piccoli passi sto tornando a una vita normale... Adesso dovrò affrontare la battaglia per recuperare l’uso della mano destra che è stata gravemente danneggiata, ci vorrà molto tempo, spero di farcela”. Così Gianni Morandi su Facebook, a poche ore dalle dimissioni dall’ospedale dopo il ricovero d’urgenza, risalente a quasi un mese fa, a causa di una brutta ustione che lo ha colpito nelle mani e nelle gambe.

Il cantante prosegue: “Mi aiuta Anna, mia moglie, mi aiutano le giornate primaverili, la natura, la musica e la consapevolezza di aver avuto un grave incidente ma di averla scampata bella, ho rischiato conseguenze ben più gravi ma qualcuno dal cielo mi ha messo una mano sulla testa. Mi ritengo veramente fortunato”.

“Grazie a tutte le persone che mi hanno dato forza e mi hanno riempito di affetto con messaggi, lettere, telegrammi, regali, fiori e grazie alla grande squadra di medici, infermieri, operatori sanitari del Centro Ustioni dell’ospedale ‘Bufalini’ di Cesena che mi hanno assistito e curato in maniera encomiabile. Viva la vita!”, conclude Morandi.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.