Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.061,55
    +238,20 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,17
    +0,26 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    28.599,84
    +488,82 (+1,74%)
     
  • CMC Crypto 200

    786,33
    -7,40 (-0,93%)
     
  • Oro

    1.802,10
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1770
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.411,79
    +44,31 (+1,01%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8560
    +0,0013 (+0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4784
    +0,0003 (+0,02%)
     

Giansanti: su nuova Pac o buon accordo o meglio nessun accordo

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 22 giu. (askanews) - "Sulla nuova Pac o portiamo a casa un accordo buono per gli agricolto o meglio un non accordo se questo deve essere fatto male. No a un accordo a tutti i costi". Lo ha ribadito il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, intervenendo alla assemblea nazionale di Unaitalia, l'associazione che rappresenta oltre il 90% della produzione avicola nazionale, svoltasi oggi a Roma alla Casa del Cinema.

"Noi abbiamo bisogno di una politica agricola che possa dare una direzione alla agricolture europea - ha detto Giansanti - Le due sfide importanti del futuro sono la nuova Pac e la strategia F2F e in generale il l Green Deal europeo: sono due politiche economiche che necessariamente devono essere scisse. Non si può pensare che le risorse economiche del Green Deal si possano usare parzialmente all'interno della Pac, che già prevede molte risorse in meno all'anno, solo per gli agricoltori italiani si tratta di 1,2 miliardi di euro in meno ogni anno per i prossimi 5 anni. Questo taglio dovrà essere gestito, andrà a colpire alcune filiere produttive in modo più rilevanti rispetto ad altre".

"Io sento parlare di troppe gambe per un tavolo - ha poi aggiunto il presidente di Confagricoltura - Un tavolo di solito ne ha quattro e sono 4 gambe di natura econommica, poi sul tavolo possiamo metterci altre attività complementari come la sostenibilità ambientale e sociale", ha aggiunto Giansanti spiegano che, al di là della condizionalità sociale per cui si lavora nella Pac, serve "equilibrio tra le diverse norme che regolano le politiche agricole e un equo prezzo del lavoro e un equo mercato del lavoro in tutta Europa".

"Bene invece sugli ecoschemi, assolutamente favorevole anche a percentuali più o meno elevate, credo che tra il 18% della Presidenza e il 30% del Parlamento un obiettivo intermedio sia facilmente raggiungibile". Infine, un invito: "è bene che si facciano degli studi di impatto, invito la commissione e il parlamento Ue a fare un serio studio di impatto sulla strategia del Green Deal europeo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli