Italia Markets closed
  • Dow Jones

    31.199,65
    +11,27 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    13.511,06
    +53,81 (+0,40%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,2160
    +0,0044 (+0,3648%)
     
  • BTC-EUR

    26.093,56
    -2.757,09 (-9,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    627,71
    -52,19 (-7,68%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.853,18
    +1,33 (+0,03%)
     

In Giappone cercano di scacciare coronavirus coi fuochi artificiali

Mos
·1 minuto per la lettura

Roma, 1 giu. (askanews) - Decine di fuochi artificiali hanno illuminato la sera giapponese in un'iniziativa voluta di 160 fabbricanti di giochi pirotectici giapponesi come buon auspicio per la sconfitta dell'epidemia di nuovo coronavirus. Lo riferiscono i media nipponici. I fuochi sono stati sparati alle 20 precise (13 in Italia) in diverse citt giapponesi e non sono stati preannunciati, se non con cinque minuti di anticipo, per evitare che si potessero creare assembramenti di spettatori. "Storicamente in Giappone si usano i fuochi d'artificio a mo' di preghiera e per consolare lo spirito dei morti", ha dichiarato all'agenzia di stampa France Presse l'artigiano di fuochi artificiali Kohei Ogatsu. I fuochi artificiali sono una delle grandi attrattive del Giappone in primavera e in estate. Particolarmente importanti sono quelli che si tengono durante la festa del Bon a met agosto, che appunto la festa dei morti.