Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.381,35
    -256,37 (-1,13%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,26 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,14 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.519,18
    -179,08 (-0,62%)
     
  • Petrolio

    52,04
    -1,53 (-2,86%)
     
  • BTC-EUR

    30.057,20
    -760,69 (-2,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    701,93
    -33,21 (-4,52%)
     
  • Oro

    1.827,70
    -23,70 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,2085
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.573,86
    +77,00 (+0,27%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.599,55
    -41,82 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8887
    +0,0010 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0759
    -0,0034 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5369
    +0,0008 (+0,05%)
     

Giappone chiude in lieve ribasso (Nikkei 225, -0,38%) tra timori pandemia e ballottaggio USA

michele fanigliulo
·1 minuto per la lettura

Borse asiatiche contrastate con il giapponese Nikkei 225 che ha chiuso la seduta con un -0,38% a 27.055 punti, in scia all’incertezza legata all'esito del ballottaggio per il Senato Usa in Georgia, e con il sentiment indebolito anche dal probabile annuncio questa settimana dello stato d'emergenza a Tokyo e città circostanti. Ancora una volta sono due i temi rilevanti: evoluzione della pandemia covid e elezioni Senato USA. Leggermente positivo l’Hang Seng invece che scambia a 27.729 punti (+0,3%). Pubblicati anche i dati di dicembre PMI servizi e composito giapponese e il PMI Caixin servizi e composito cinese. Quanto al Giappone, a dicembre i PMI servizi e composito (finale) sono stati superiori al preliminare. Il dato finale di dicembre del PMI servizi della Jibun Bank giapponese si è attestato a 47,7 punti, dai 47,2 punti della lettura preliminare. A novembre l’indice indicava un valore di 47,8 punti. Bene anche l'indice composito, a 48,5 punti, rispetto i 48 punti della lettura preliminare e ai 48,1 punti del mese precedente. Dati in calo ma comunque positivi dalla Cina. Infatti, a dicembre il Purchasing Managers Index (Pmi) composito è sceso a 55,8 punti, dai 57,5 punti di novembre. Giù anche l’indicatore sui servizi che a dicembre scende a 56,3 punti dai 57,8 di novembre (stime a 57,9). Entrambi gli indici però sono sopra la soglia dei 50 punti, che separa l'espansione dalla contrazione.