Italia markets open in 8 hours 59 minutes
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,94 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,38 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    29.518,34
    +160,52 (+0,55%)
     
  • EUR/USD

    1,2137
    -0,0031 (-0,25%)
     
  • BTC-EUR

    45.840,52
    -2.454,36 (-5,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.484,90
    -76,40 (-4,89%)
     
  • HANG SENG

    28.595,66
    -14,99 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     

In Giappone la lentezza della campagna vaccinale potrebbe ritardare la ripresa economica

Redazione
·2 minuto per la lettura
In Giappone la lentezza della campagna vaccinale potrebbe ritardare la ripresa economica
In Giappone la lentezza della campagna vaccinale potrebbe ritardare la ripresa economica

Pyia Sachdeva, economista di Schroders, ha analizzato la situazione nel Sol Levante, dove è stato vaccinato solo l'1,3% della popolazione

Dopo una gestione esemplare della pandemia, il Giappone è ora alle prese con i problemi legati alla campagna di vaccinazione di massa, che procede a rilento. Solo l’1,3% della popolazione ha ricevuto le somministrazioni, percentuale estremamente più bassa rispetto a quelle di Regno Unito (48%), Stati Uniti (38%) e Unione Europea (18%). Al momento, in Giappone viene vaccinato lo 0,05% dei cittadini al giorno; di questo passo, il Paese non riuscirà a raggiungere l’immunità di gregge entro la fine del 2021.

SOLO PFIZER HA RICEVUTO L’APPROVAZIONE

Pyia Sachdeva, economista di Schroders, ha analizzato la situazione del Giappone e le implicazioni che una campagna vaccinale lenta potrebbe avere per il Paese e per gli investitori. Lo Stato del Sol Levante ha un numero sufficiente di dosi per coprire tutta la popolazione e altre in arrivo da diverse aziende, tra cui AstraZeneca, Moderna e Pfizer. Quest’ultima è l’unica però che al momento ha ricevuto l’approvazione da parte delle autorità giapponesi. Tokyo detiene 11 milioni di dosi e 100 milioni sono attese entro giugno. Ma qualsiasi ritardo nelle consegne potrebbe rappresentare un problema, a meno che non venga dato il via libera anche alle altre aziende.

IMPLICAZIONI POLITICHE

Il Giappone sta avendo difficoltà a contenere il virus senza restrizioni, con alcune città, come Tokyo e Osaka, che si trovano ancora in stato di emergenza. Una situazione complicata, soprattutto in vista delle Olimpiadi in programma quest’estate. Ma in un orizzonte più a lungo termine, ragiona l’economista di Schroders, se il Paese non riuscirà a raggiungere l’immunità di gregge entro il prossimo inverno, potrebbe andare incontro a nuova ondata di Covid, con conseguenze devastanti per la ripresa economica. Una situazione delicata anche per il Primo Ministro Suga, il cui tasso di gradimento, già basso, potrebbe crollare vertiginosamente in vista delle imminenti elezioni.

IMPLICAZIONI ECONOMICHE

Per Sachdeva, un potenziale ritardo della ripresa del settore dei servizi non cambierebbe molto l’outlook economico, dato che i driver della ripartenza dipenderebbero maggiormente dalle esportazioni di prodotti e che oltre il 40% delle entrate totali delle aziende giapponesi è internazionale piuttosto che nazionale. Questo non significa tuttavia che il quadro domestico non sia importante. La lentezza della campagna di vaccinazione di massa probabilmente peserà sull’outlook per gli utili generati sul mercato locale.