Italia Markets close in 2 hrs 5 mins
  • FTSE MIB

    17.949,55
    +77,27 (+0,43%)
     
  • Dow Jones

    26.368,42
    -290,69 (-1,09%)
     
  • Nasdaq

    10.952,58
    -233,01 (-2,08%)
     
  • Nikkei 225

    22.977,13
    -354,81 (-1,52%)
     
  • Petrolio

    35,54
    -0,63 (-1,74%)
     
  • BTC-EUR

    11.408,19
    +20,33 (+0,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    260,72
    -2,91 (-1,10%)
     
  • Oro

    1.882,30
    +14,30 (+0,77%)
     
  • EUR/USD

    1,1682
    +0,0004 (+0,0350%)
     
  • S&P 500

    3.266,71
    -43,40 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    24.107,42
    -479,18 (-1,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    2.965,18
    +5,15 (+0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,9016
    -0,0016 (-0,18%)
     
  • EUR/CHF

    1,0687
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,5552
    +0,0002 (+0,01%)
     

Giappone, le nuove opportunità in arrivo con la “Suganomics”

Mariano Mangia
·3 minuti per la lettura
Giappone, le nuove opportunità in arrivo con la “Suganomics”
Giappone, le nuove opportunità in arrivo con la “Suganomics”

La ricerca di consensi, spiegano in Neuberger Berman, dovrebbe spingere il nuovo premier giapponese Yoshihide Suga ad adottare nuove strategie di crescita

La nomina di Yoshihide Suga a primo ministro dopo le dimissioni per motivi di salute di Shinzo Abe non ha mancato di sollevare interrogativi sulla continuità delle politiche economiche varate a suo tempo da Abe ma l’opinione più diffusa è che Suga proseguirà nel percorso tracciato dal suo predecessore. Non dovrebbero esserci neanche cambiamenti alla guida della Banca del Giappone. Keita Kubota, Senior Portfolio Manager e Head of Japanese Equities e Naoto Saito, Portfolio Manager Japanese Equities di Neuberger Berman non credono alla possibilità di una sostituzione di Haruhiko Kuroda e ritengono che non verrà a mancare il supporto all’obiettivo di inflazione del 2% (oggi siamo appena allo 0,5%), con la concreta possibilità del varo di ulteriori misure di stimolo fiscale.

LA NECESSITÀ DI OTTENERE CONSENSI

Non tutti gli elettori, tuttavia, sono persuasi che Suga resterà in carica dopo la scadenza del mandato originale di Abe, cioè il prossimo settembre e questo, secondo i due esperti del mercato giapponese di Neuberger Berman, potrebbe spingere il nuovo primo ministro ad andare a caccia di consensi, adottando nuove strategie di crescita e, se così fosse, l’economia e il mercato azionario potrebbero ricevere un sostegno superiore a quello attualmente previsto.

DIGITALIZZAZIONE E DEREGOLAMENTAZIONE PER STIMOLARE LA CRESCITA

L’obiettivo di Suga è generare crescita attraverso la digitalizzazione e la deregolamentazione. Sin dall’annuncio della sua candidatura a sostituire Abe, le azioni delle società di telefonia hanno subito una flessione, principalmente perché il neopremier ha minacciato di aumentare i contributi per l’utilizzo delle frequenze, se le tariffe dei servizi telecom non verranno abbassate. La loro riduzione è in realtà solo uno dei tasselli del piano complessivo di Suga per la digitalizzazione del Paese che prevede, tra gli altri, il progetto di dotare di notebook tutti i ragazzi in età scolare e la costruzione di una infrastruttura di rete 5G. Anche le iniziative di “e-Government” subiranno quasi sicuramente un’accelerazione, a tutto vantaggio degli sviluppatori e fornitori di servizi cloud, e Suga si servirà della deregolamentazione per rivitalizzare l’economia a livello regionale attraverso l’istituzione di “zone speciali”, potenziando il settore agricolo e quello dei viaggi e valutando nuove politiche per affrontare il calo demografico in atto nel Paese e i problemi di successione nelle aziende.

MAGGIORE ATTENZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ DELLE AZIENDE NIPPONICHE

Sta cambiando anche la cultura societaria giapponese che inizia a prestare più attenzione agli interessi degli azionisti e a orientarsi in direzione di fattori ambientali, sociali e di governance, come gli investitori istituzionali. La “Suganomics”, sottolineano Kubota e Saito, può aggiungere una maggiore focalizzazione micro alla Abenomics, uno sviluppo molto pervasivo nell’universo societario giapponese che potrebbe determinare la nascita di numerose opportunità economiche di medio e lungo termine.

WARREN BUFFETT FIDUCIOSO SULLE PROSPETTIVE DEL MERCATO GIAPPONESE

Un voto di fiducia sul mercato giapponese è venuto da Warren Buffett che ha investito in misura consistente nelle cinque principali società commerciali giapponesi; la scelta è caduta su titoli convenienti, ma capaci di offrire dividendi relativamente elevati, e rappresentano una scommessa sulla ripresa economica globale. Una scelta da parte di Buffett, in passato negativo nei confronti del mercato giapponese che implica anche una view positiva sulla direzione presa dall’economia e dalla borsa, visiona condivisa dai due manager di Neuberger Berman: “Ci sono molte gemme nascoste pronte a essere scoperte e un elevato valore potenziale che aspetta solo di essere liberato”.