Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.266,32
    +775,43 (+2,63%)
     
  • Nasdaq

    11.152,47
    +337,03 (+3,12%)
     
  • Nikkei 225

    26.992,21
    +776,42 (+2,96%)
     
  • EUR/USD

    0,9987
    +0,0160 (+1,63%)
     
  • BTC-EUR

    20.057,56
    +496,88 (+2,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    454,92
    +9,48 (+2,13%)
     
  • HANG SENG

    17.079,51
    -143,32 (-0,83%)
     
  • S&P 500

    3.782,65
    +104,22 (+2,83%)
     

Giornata mondiale del leone, c’è poco da festeggiare

(Adnkronos) - Oggi è la Giornata Mondiale del leone, questa giornata però non si festeggia con belle notizie. Secondo i dati riportati dal WWF, infatti, le popolazioni di leone presenti in Africa hanno perduto il 90% del loro areale originario. Il numero di individui ha subito un calo drastico nell’ultimo secolo, passando dai 200.000 individui degli inizi del ‘900 a meno di 30.000 rimasti oggi nel continente. Tra le minacce principali troviamo in primis la perdita ed il degrado dell’habitat causati dall’incremento della popolazione umana, e poi anche la sempre maggiore diffusione delle infrastrutture. A mettere a serio rischio la sopravvivenza della specie c’è anche la diminuzione di alcune delle sue prede predilette, e il fenomeno del bracconaggio, purtroppo legato anche al commercio illegale di pellicce ed altre parti del corpo. Nel report WWF-UNEP di luglio 2021, sui conflitti tra uomo e fauna selvatica, viene mostrato come la convivenza tra attività umane e leoni sia possibile. Un esempio positivo di gestione dei conflitti, ad esempio, è l’amministrazione dell’area protetta di Kavango Zambezi in Sud Africa, dove un approccio integrato ha prodotto prima una diminuzione e poi l’azzeramento del numero di uccisioni illegali di leoni.