Italia markets open in 2 hours 3 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.388,56
    -274,94 (-0,93%)
     
  • EUR/USD

    1,2025
    -0,0035 (-0,29%)
     
  • BTC-EUR

    40.601,50
    +1.605,35 (+4,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    979,81
    -6,84 (-0,69%)
     
  • HANG SENG

    29.026,53
    -426,04 (-1,45%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Giro d’Italia della CSR tappa a MIND: focus su comunità inclusive

Red
·4 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 2 feb. (askanews) - Fa tappa a Mind - Milano Innovation District il Giro d'Italia della CSR, il viaggio per dare voce alle migliori pratiche di responsabilità sociale d'impresa e sostenibilità delle nostre regioni organizzato dal Salone della CSR e dell'innovazione. L'appuntamento di Milano - seconda tappa del Giro - sarà dedicato al tematiche che intrecciano sostenibilità e sviluppo ad una nuova concezione di città e territorio: "Verso la città del futuro: salute, solidarietà e innovazione" è infatti il focus specifico dell'evento che sarà trasmesso in diretta streaming giovedì 4 febbraio 2021 dalle 9.15 alle 11. La partecipazione, gratuita, è aperta a tutti a seguito di una semplice registrazione al link: http://www.csreinnovazionesociale.it/tappa/mind2021/

Il programma della tappa milanese del Salone è inserito all'interno del Social Innovation Campus promosso dalla Social Innovation Academy di Fondazione Triulza - spazio di co-progettazione aperto a organizzazioni, enti, università, istituzioni, aziende - che si svolgerà il 3 e 4 febbraio 2021 sempre in diretta streaming. "Ripensare la città: questa tappa del Salone rappresenta un'occasione di confronto tra diversi attori che intendono affrontare in modo consapevole le sfide sociali, ambientali e tecnologiche in atto - spiega Rossella Sobrero, del Gruppo promotore del Salone - Anche se sono diversi i futuri possibili siamo sempre più consapevoli che la tecnologia, pur importante, non è l'unico ingrediente da considerare. Bisogna mettere in comune competenze, formazione, spazi per favorire scelte condivise. La collaborazione di tutti è fondamentale in particolare quando è necessario guardare lontano".

La tappa milanese del Salone darà la possibilità ad alcune imprese e organizzazioni della società civile di raccontare le proprie attività legate alla salute, alla solidarietà e all'innovazione. Nel corso dei lavori verrà condivisa anche un'esperienza significativa recentemente realizzata a Milano: quella avviata con il Programma 2121, iniziativa pubblico-privata promossa dal Ministero della Giustizia italiano e da Lendlease, operatore globale del real estate, con lo scopo di favorire il reintegro dei detenuti nella società. Come racconta Nadia Boschi, head of Sustainability della multinazionale, l'iniziativa esprime a pieno l'idea di CSR dell'azienda che comprende non solo l'aspetto ambientale ed economico ma anche quello sociale ed è realizzata attraverso concrete partnership tra pubblico e privato per condividere le risorse e raggiungere obiettivi comuni. Programma 2121 - nome che deriva dall'articolo dell'ordinamento penitenziario che abilita al lavoro extra moenia (l'articolo 21) unito alla durata di 3 anni dell'iniziativa (2018-2021) - è un progetto di reinserimento lavorativo e riqualificazione personale di un gruppo di detenuti del carcere di Bollate. Il Programma 2121 ha avuto inizio con la fase pilota fra novembre 2018 ed aprile 2019. I detenuti coinvolti sono stati 10, dei quali 6 inseriti con un tirocinio semestrale, 3 attraverso un tirocinio trimestrale, ed uno attraverso un contratto di lavoro a tempo determinato. Caratteristica importante dei primi inserimenti effettuati è stata la qualità dell'offerta lavorativa, con ruoli di responsabilità nel contesto di mansioni diverse, inclusa l'amministrazione d'ufficio, la gestione della sicurezza e la progettazione Autocad. Così facendo il programma ha di fatto trasformato quello che normalmente sarebbe considerato un punto di debolezza del mercato real estate - la prossimità di un carcere - in un punto di forza caratterizzante. La duplice motivazione di contribuire da una parte al miglioramento delle condizioni di vita dei detenuti e delle loro famiglie, e dall'altra di formare competenze tecniche per risorse umane nel settore delle costruzioni ha rappresentato il punto di partenza del progetto. Il progetto proseguirà oltre il 2021 e aspira anche a dare il proprio contributo per rendere più sicura la città abbassando la recidiva: numerosi studi dimostrano infatti che l'occupazione lavorativa dei detenuti ha un impatto chiave sulla diminuzione della recidiva, in grado di ridurla dall'attuale 68,4% al 19%.

In apertura dei lavori interverranno Mario Calderini, presidente del Comitato scientifico della Social Innovation Academy MIND e Massimo Minelli, presidente di Fondazione Triulza. Seguiranno due sessioni, la prima dedicata alle esperienze delle organizzazioni della società civile, con la partecipazione di Serena Scarpello, Presidente di Associazione Italiacamp, Gabriele Ferrieri, Presidente di ANGI - Associazione giovani innovatori, Claudia Fiaschi, Portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore, e la seconda riservata ai progetti delle imprese con gli interventi di Nadia Boschi, Head of Sustainability di Lendlease, Elena Bottinelli, Amministratore delegato di IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi, Marco Gazzino, Head of Innovability di Enel X. Concluderà l'incontro la testimonianza di Alessia Montani, CEO e CO-founder di ComfTech.