Italia markets open in 7 hours 35 minutes
  • Dow Jones

    29.683,74
    +548,75 (+1,88%)
     
  • Nasdaq

    11.051,64
    +222,13 (+2,05%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • EUR/USD

    0,9718
    -0,0021 (-0,21%)
     
  • BTC-EUR

    20.104,81
    +305,62 (+1,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    447,10
    +18,32 (+4,27%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • S&P 500

    3.719,04
    +71,75 (+1,97%)
     

Giuseppe Buono fingeva di accudirle ma poi le rapinava e una di esse l’aveva ammazzata a bastonate

Furti in casa di anziani e violenza: ecco cosa faceva il badante
Furti in casa di anziani e violenza: ecco cosa faceva il badante

Arriva dalla Campania la vicenda del 41enne badante di anziane e criminale che ha messo a segno due colpi in una settimana e durante uno di essi ha ucciso una 91enne a bastonate. Giuseppe Buono le anziane fingeva di accudirle ma i suoi intenti erano nel altri, e proprio in questi giorni, con l’uomo già in carcere gli è stato notificato un altro atto per un colpo simile. L’ordinanza del gip contiene le accuse di lesioni personali e rapina aggravata ai danni di un’altra anziana.

Badante di anziane e criminale, i colpi

A Salerno Buono aveva prestato servizio in casa Martino per molto tempo: suo il compito di  accudire un uomo anziano costretto a letto che viveva con le sue due sorelle: Maria Grazia, di 91 anni e l’87enne Adele. Gli atti dicono che Giuseppe non lavorava più per loro ma che spesso li passava a trovare per “aiuti smart e veloci”. Secondo i Carabinieri di Mercato San Severino il 9 luglio Buono rubò loro oltre 3 mila euro in contanti e uccise Maria Grazia. Come andò? Il “badante” chiuse l’anziano nella sua stanza e prese a frugare in casa ma venne scoperto dalle due sorelle.

Con le mani nel sacco: l’omicidio Martino

Allora Buono prese un bastone di ferro, ferì l’87enne e uccise la 91enne, scappando con 3.400 euro. Dopo pochi giorni era stato arrestato. E il secondo colpo per cui ha ricevuto la notifica? Lo mise in atto pochi giorni prima in danno di una 85enne di Baronissi con le stesse modalità: entrò per rubare, venne scoperto e la vittima si prese una scarica di botte mentre Buono scappava con 26mila euro.