Italia markets close in 1 hour 2 minutes
  • FTSE MIB

    24.330,56
    -67,85 (-0,28%)
     
  • Dow Jones

    33.876,40
    +60,50 (+0,18%)
     
  • Nasdaq

    13.927,20
    +108,79 (+0,79%)
     
  • Nikkei 225

    29.020,63
    -167,54 (-0,57%)
     
  • Petrolio

    62,00
    +0,57 (+0,93%)
     
  • BTC-EUR

    40.947,07
    -5.095,39 (-11,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.133,54
    +9,64 (+0,86%)
     
  • Oro

    1.774,10
    -7,90 (-0,44%)
     
  • Dólar/Euro

    1,2066
    +0,0048 (+0,40%)
     
  • S&P 500

    4.155,37
    +20,39 (+0,49%)
     
  • HANG SENG

    29.078,75
    +323,41 (+1,12%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.000,47
    -14,33 (-0,36%)
     
  • EUR/GBP

    0,8705
    +0,0027 (+0,31%)
     
  • EUR/CHF

    1,1046
    +0,0029 (+0,26%)
     
  • EUR/CAD

    1,5060
    +0,0038 (+0,25%)
     

In Italia gli amministratori delegati più anziani

Stefania Scordio
·2 minuto per la lettura
In Italia gli amministratori delegati più anziani
In Italia gli amministratori delegati più anziani

I dati evidenziano la possibile accelerazione del cambio generazionale ai vertici delle aziende: sono più di 50 i manager under 45 alla guida delle aziende

Secondo la ricerca svolta dalla società Heidrick&Struggles, il 25% degli amministratori delegati riesce a raggiungere il proprio ruolo prima dei 45 anni ma l’età media dei CEO delle società italiane quotate è di circa 58 anni, due anni in più rispetto al dato globale. In linea di massima di dati del nostro paese sono rincuoranti perché superano la media internazionale di ben tre punti percentuali: numeri alla mano sono più di 50 i top manager del FTSE MIB che hanno meno di 45 anni.

GIOVANI AL COMANDO

Tra gli under 45 dell'indice di Piazza Affari ci sono: il CEO di Exor e Snam, John Elkann e Marco Alverà, il CFO di Unicredit Stefano Porro e la più giovane del listino, Enrica Marra, Chief Risk Officer di Atlantia all'età di 34 anni. A proposito di donne, anche qui il dato è in miglioramento. La rappresentanza femminile nelle posizioni manageriali apicali raggiunge il 14% nelle aziende quotate, di cui il 18% under 45. La quota delle donne CEO in Italia è del 5%, in linea con la media europea.

CAMBIO GENERAZIONALE

Secondo lo studio, "la presenza di generazioni più giovani nei ruoli apicali più esposti al nuovo mercato, seppure non ancora in quelli di AD, fanno presagire una possibile accelerazione imminente del ricambio generazionale e un’apertura sempre maggiore dei giovani nei vertici aziendali, considerato anche che il 65% delle posizioni di responsabilità viene reclutato proprio all’interno delle aziende".

POSIZIONI DI PARTENZA

Per diventare CEO sempre più spesso si parte da ruoli finanziari ed operativi: il 17% dei CFO (Chief Financial Officer) viene poi assunto come amministratore delegato, e lo stesso avviene per il 18% dei COO (Chief Operations Officer). Una tendenza che è anche globale, infatti i CFO eletti CEO hanno raggiunto, nel 2020, il 27%.