Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • Dow Jones

    40.358,09
    -57,35 (-0,14%)
     
  • Nasdaq

    17.997,35
    -10,22 (-0,06%)
     
  • Nikkei 225

    39.594,39
    -4,61 (-0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0857
    -0,0037 (-0,3365%)
     
  • BTC-EUR

    60.740,39
    -2.026,18 (-3,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.360,70
    -24,56 (-1,77%)
     
  • HANG SENG

    17.469,36
    -166,52 (-0,94%)
     
  • S&P 500

    5.555,74
    -8,67 (-0,16%)
     

Gli occhiali intelligenti di Meta capiscono cosa stai guardando

Gli occhiali intelligenti di Meta capiscono cosa stai guardando
Gli occhiali intelligenti di Meta capiscono cosa stai guardando


Meta Platforms Inc. (NASDAQ:META) ha annunciato i suoi nuovi occhiali intelligenti, chiamati Ray-Ban Meta Smart Glasses, durante l'evento di lancio Connect.

Cosa è successo

I nuovi occhiali, che avranno un costo a partire da 299 dollari, possono effettuare chiamate, riprodurre musica, aiutare a fare live stream e persino cercare cose a cui si guarda. Il dispositivo è disponibile per il pre-ordine e sarà in vendita dal 17 ottobre.

Mentre presentava il prodotto durante l'evento, il CEO di Meta Mark Zuckerberg ha detto: "Questi sono i primi occhiali intelligenti dotati di Meta AI integrata. Negli Stati Uniti, avrai l'AI all'avanguardia con cui puoi interagire senza usare le mani ovunque tu vada."

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

In poche parole, gli occhiali possono capire cosa stai guardando quando fai domande. Ad esempio, se stai visitando un luogo e incontri un edificio che non ti è familiare, chiedi agli occhiali intelligenti di Meta di fornirti un contesto.

Allo stesso modo, se stai visitando un paese straniero e vuoi tradurre qualsiasi informazione nella tua lingua, usa gli smart glasses Meta.

Gli smart glasses consentono poi agli utenti di avviare una diretta su Facebook o Instagram con pochi tocchi sull'asticella. Una luce bianca pulsa intorno alla lente per indicare la registrazione, sollevando una serie questioni sulla privacy.

Gli smart glasses aggiornati di Meta sono progettati con due funzioni principali.

In primo luogo, vogliono sostituire le cuffie con un sistema audio personale simile a quelli visti negli Amazon Echo Frames. Gli occhiali presentano cinque microfoni, tra cui uno nel ponte del naso, per migliorare la chiarezza delle chiamate e la ricezione dei comandi vocali.

La seconda funzione principale degli occhiali è quella di fotocamera. Il dispositivo ha piccole lenti per fotocamera sulla tempia destra, capaci di scattare foto da 12 megapixel e video in 1080p.

Un'altra significativa aggiunta rispetto alla generazione precedente, è il fatto che gli occhiali hanno una capacità di archiviazione di 500 foto e 100 video di 30 secondi, tutti sincronizzabili tramite l'app Meta View.

Il dispositivo è alimentato dal processore Qualcomm Snapdragon AR1 Gen 1 e si prevede che duri tra le quattro e le sei ore.

Inoltre, il design, creato in collaborazione con Ray-Ban, presenta molteplici nuove opzioni di colore e lenti.

Recensioni tecnologiche

Meta ha trasformato questa idea, una volta considerata eccentrica per chi è profondamente immerso nel mondo online, in qualcosa che le persone comuni potrebbero pensare di acquistare, anche se non hanno intenzione di condividere una grande quantità di contenuti, secondo Engadget.

D'altra parte, il popolare YouTuber tech Marques Brownlee ha nuovamente ricordato alle persone i Google Glass di Alphabet Inc. (NASDAQ:GOOG) (NASDAQ:GOOGL).

Per chi non lo sapesse, a maggio di quest'anno, Google ha annunciato di aver interrotto le vendite degli smart glasses di Glass Enterprise e di aver pianificato di interrompere il supporto software all'inizio di questo mese.

Introdotto nel 2013 al prezzo di 1.500 dollari, Google Glass era un gadget wearable leggero con un display trasparente per presentare agli utenti informazioni in formato ridotto.

Tuttavia, la fotocamera integrata del dispositivo ha sollevato preoccupazioni sulla privacy e non è riuscito a ottenere una diffusa adozione come prodotto per i consumatori, spingendo Google a riposizionarlo come strumento per le imprese.

Foto cortesia di: Meta

Continua a leggere su Benzinga Italia