Italia Markets closed

Gli studenti italiani non sanno leggere?

info@wecanjob.it (WeCanJob.it)

Gli studenti italiani non sanno leggere?

Nei giorni scorsi è stato pubblicato il rapporto triennale OCSE-PISA (Program of International Student Assessment) che ha misurato le competenze degli studenti dei Paesi membri OCSE, scatenando, per quanto riguarda l'Italia, numerose reazioni preoccupate e di elevato allarmismo sullo stato dell'istruzione nel nostro Paese e le conseguenti capacità acquisite da parte dei più giovani nelle scuole. La situazione, di certo non confortante, parla di un lento precipitare delle competenze in materia di lettura (soprattutto) e scientifica di studentesse e studenti italiani di 15 anni, che addirittura non sarebbero in grado, in buona parte dei casi, di comprendere testi semplici alla lettura (come peraltro già segnalato da INVALSI in un recente rapporto sulla cosiddetta "dispersione scolastica implicita"). Discorso diverso per quel che riguarda le competenze matematiche, unico ambito in cui i giovani italiani sembrano tenere il passo con i loro omologhi dell'area OCSE. Vediamo allora quali sono i principali dati emersi per l'Italia dal rapporto.

LEGGI ANCHE: In Europa sono sempre di più i bimbi nelle scuole per l'infanzia, ma in Italia è calo

La crisi delle competenze linguistiche degli studenti italiani

Partiamo da un dato: il 23% degli studenti quindicenni italiani ha basse competenze di lettura, mentre soltanto il 5% (1 su 20) raggiunge livelli eccellenti di comprensione del testo, a fronte di una media OCSE del 9%. Basse competenze di lettura, ma che vuol dire? Vuol dire che a quel livello non si è in grado di comprendere un testo semplice e breve, scritto in maniera esplicita.

Guardando la faccenda a livello generale, tra i 36 Paesi membri dell'OCSE oggetto dell'indagine l'Italia sprofonda nei bassifondi della classifica per quel che riguarda le competenze legate alla lettura. Se la media OCSE fa infatti registrare un punteggio pari a 487 (punteggio ottenuto tramite i risultati di test effettuati dai giovani in tutti i Paesi oggetto dell'indagine), in Italia ci attestiamo sul valore di 476 punti, cosa che ci posiziona al 25° posto su 36, riportandoci in tal modo ai livelli del 2003.

Un punteggio, quello nazionale, che nasconde delle grandi differenza a livello territoriale. I valori per macro aree, infatti, variano tra il punteggio di 501 registrato al Nord Est, e quello di 439 registrato nelle Isole.

Differenze anche a livello di Istituto: se, infatti, gli studenti dei Licei fanno registrare un punteggio pari a 521, quelli degli Istituti professionali si fermano a 395.

Differenze, inoltre, anche a livello di genere: le ragazze fanno infatti registrare un punteggio maggiore di 25 punti rispetti ai ragazzi.

LEGGI ANCHE: I NEET in Europa? Al primo posto c'è l'Italia

Competenze matematiche: studenti al passo con il resto dei Paesi OCSE

Dal punti di vista delle competenze matematiche la situazione è invece decisamente più rosea. In questo ambito, infatti, siamo in linea con quanto avviene nel resto dell'area OCSE. A fronte di una media di 489 punti, in Italia ci attestiamo sul valore di 487 punti.

Anche in questo caso, tuttavia, sussistono differenze a livello territoriale: si va da 515 punti al Nord Est a 445 punti nelle Isole.

Competenze scientifiche, di nuovo in fondo alla classifica OCSE

Per quel che riguarda le competenze scientifiche, siamo di nuovo in difetto rispetto alla tendenza generale. A fronte di una media OCSE pari a 489 punti, in Italia scendiamo fino a 468 punti e, anche in questo caso, si fanno notare una marcata differenza in termini territoriali: andiamo infatti dai 497 punti del Nord Est ai 445 delle Isole.

Per maggiori informazioni su OCSE-PISA si rimanda alla pagina web dedicata.

Per leggere le tabelle complete dei dati, si rimanda al sito INVALSI che sintetizza anche i risultati italiani.

LEGGI ANCHE: Secondo gli studenti itaiani la scuola non prepara adeguatamente al lavoro

 

La redazione di WeCanBlog

Autore: We Can Job. Per approfondimenti su formazione e lavoro visita il sito Wecanjob.it.