Italia markets close in 5 hours 7 minutes
  • FTSE MIB

    23.769,15
    +87,58 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    31.802,44
    +306,14 (+0,97%)
     
  • Nasdaq

    12.609,16
    -310,99 (-2,41%)
     
  • Nikkei 225

    29.027,94
    +284,69 (+0,99%)
     
  • Petrolio

    65,86
    +0,81 (+1,25%)
     
  • BTC-EUR

    45.484,01
    +3.137,85 (+7,41%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.093,84
    +69,63 (+6,80%)
     
  • Oro

    1.702,50
    +24,50 (+1,46%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    +0,0064 (+0,54%)
     
  • S&P 500

    3.821,35
    -20,59 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    28.773,23
    +232,40 (+0,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.780,56
    +17,32 (+0,46%)
     
  • EUR/GBP

    0,8580
    +0,0011 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    1,1087
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,5003
    +0,0009 (+0,06%)
     

Goldman Sachs Asset Management: aziende di qualità e con solido potenziale di utili per guardare oltre le big tech Usa

Leo Campagna
·4 minuto per la lettura
Goldman Sachs Asset Management: aziende di qualità e con solido potenziale di utili per guardare oltre le big tech Usa
Goldman Sachs Asset Management: aziende di qualità e con solido potenziale di utili per guardare oltre le big tech Usa

Gli esperti di Goldman Sachs Asset Management, convinti che il mercato sia disposto a riconoscere un premio per l’innovazione e per gli utili, vedono interessanti opportunità in settori come il Medtech, il Fintech, l’Edtech, il Greentech e gli investimenti ESG

Gli investitori in grado di identificare le aziende di alta qualità con un solido potenziale di utili possono trarre vantaggio dall’ampliamento dei loro orizzonti. “Sebbene si tratti di società che in buona parte operano nel settore tecnologico, siamo convinti che il mercato sia disposto a riconoscere un premio per l’innovazione e per gli utili. Caratteristiche che emergono in modo evidente non soltanto in alcune società statunitensi, ma anche a livello globale e che rendono interessanti settori come il Medtech, l’Edtech, il Fintech, il Greentech e gli investimenti ESG”, concludono gli esperti di Goldman Sachs Asset Management. Se saranno evitati gravi errori di politica monetaria e fiscale, e se non si materializzeranno battute d’arresto sul fronte sanitario, la crescita dovrebbe rimanere più solida rispetto alle precedenti riprese. Uno scenario nel quale il PIL reale globale potrebbe salire del 6,1% nel 2021. È il quadro delineato dagli esperti di Goldman Sachs Asset Management (GSAM) nell’ultima edizione del Market Know-How.

LO STIMOLO FISCALE SARÀ COMUNQUE GARANTITO

“Alla luce della transizione dell’economia dal netto rimbalzo del terzo trimestre del 2020 a un periodo di decelerazione, non si può tuttavia escludere che il nuovo anno possa esprimere una crescita più piatta, almeno finché i progressi sul fronte del vaccino non faranno emergere la forza da noi prevista per il 2021”, spiegano i gestori di GSAM. “Lo stimolo fiscale – aggiungono - sarà comunque garantito dal momento che il ritorno alla normalità appare difficile per molti settori a causa dei limiti imposti dalle misure di distanziamento sociale e anti-assembramento”.

ALL’INIZIO DELLA FASE DI ESPANSIONE UNA NUOVA FASE RIALZISTA

Nel Market Know-How, oltre alle previsioni macroeconomiche, sono forniti anche alcuni spunti per posizionarsi sui mercati nel 2021. Tra questi, un ampliamento dell’esposizione globale focalizzato sulle opportunità a livello di singole società, piuttosto che sul beta geografico. La preferenza, tra gli attivi esposti al rischio, continua ad essere accordata alle azioni globali nella convinzione di essere all’inizio della fase di espansione di un nuovo mercato rialzista. “Tuttavia, a differenza dell’ultimo ciclo caratterizzato da rendimenti elevati e da un’espansione dei multipli, questo nuovo ciclo dovrebbe essere caratterizzato da rendimenti azionari trainati da utili più moderati, curve dei rendimenti più ripide, un dollaro USA generalmente più debole e prezzi delle materie prime più stabili”, spiegano gli esperti di Goldman Sachs Asset Management.

LE MEGA CAP TECNOLOGICHE HANNO TRAINATO IL RALLY DEL 2020

Nel 2021 i bassi rendimenti reali, le condizioni finanziarie favorevoli, l’inflazione contenuta, gli utili ai massimi e un sostanziale premio al rischio azionario sosterranno i mercati finanziari confermandone l’appeal, nonostante le valutazioni siano elevate. A questo proposito, si osserva nel Market Know-How, il grado di concentrazione del mercato azionario statunitense ha raggiunto livelli record e continua ad aumentare, alimentato dalle mega cap tecnologiche che hanno guidato il rally del 2020.

FACEBOOK, APPLE, AMAZON, MICROSOFT E GOOGLE

Le cinque maggiori società statunitensi (Facebook, Apple, Amazon, Microsoft e Google o “FAAMG”) rappresentano infatti attualmente quasi un quarto della capitalizzazione di mercato dell’indice S&P 500. “Da un lato continuiamo ad essere ottimisti sui trend di crescita a lungo termine a supporto di tali colossi ma, dall’altro, preferiamo guardare con prudenza al rally di questi titoli. Una buona strategia per far fronte ai potenziali rischi di un mercato concentrato è quella di espandere geograficamente la gamma di opportunità”, specificano i gestori di GSAM. Una considerazione basata sul fatto che, in tutto il mondo, si contano centinaia di società che di anno in anno riescono a registrare performance superiori al paniere di azioni FAAMG, compresi 323 titoli che hanno messo a segno guadagni superiori da inizio 2020.

FOCUS SU MEDTECH, EDTECH, FINTECH E GREENTECH

Chi è in grado di identificare le aziende di alta qualità con un solido potenziale di utili può quindi trarre vantaggio dall’ampliamento dei propri orizzonti di investimento “Sebbene si tratti di società che in buona parte operano nel settore tecnologico, siamo convinti che il mercato sia disposto a riconoscere un premio per l’innovazione e per gli utili. Caratteristiche che emergono in modo evidente non soltanto in alcune società statunitensi, ma anche a livello globale e che rendono interessanti settori come il Medtech, l’Edtech, il Fintech, il Greentech e gli investimenti ESG”, concludono gli esperti di Goldman Sachs Asset Management.