Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.605,90
    +9,56 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    10.952,30
    -62,59 (-0,57%)
     
  • Nikkei 225

    27.686,40
    -199,47 (-0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,0516
    +0,0047 (+0,45%)
     
  • BTC-EUR

    15.996,04
    -273,11 (-1,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    394,68
    -7,35 (-1,83%)
     
  • HANG SENG

    18.814,82
    -626,36 (-3,22%)
     
  • S&P 500

    3.933,10
    -8,16 (-0,21%)
     

Goldman Sachs resta cauta sulle azioni cinesi

Goldman Sachs resta cauta sulle azioni cinesi
Goldman Sachs resta cauta sulle azioni cinesi


Molti titoli tecnologici cinesi hanno subito un tracollo dai massimi storici raggiunti all'inizio del 2021, senza mostrare alcun miglioramento significativo quest’anno. Goldman Sachs offre un nuovo sguardo a questo settore, come riferisce Barron.

Alibaba Group Holding Limited (NYSE:BABA) ha perso quasi metà del valore di mercato solo lo scorso anno; la repressione normativa di Cina e Stati Uniti ha infatti pesato molto sul settore. Nemmeno JD.com, Inc (NASDAQ:JD), Baidu, Inc (NASDAQ:BIDU) e NetEase, Inc (NASDAQ:NTES) hanno mostrato performance migliori.

Il sell-off azionario osservato quest’anno, in un contesto di inflazione rovente, aumento dei rendimenti obbligazionari e timori di recessione, non ha fatto altro che aggravare le criticità degli investitori.

Goldman prevede che la volatilità del mercato proseguirà, e non esclude una recessione entro l'anno prossimo. "Pensiamo ancora che le azioni statunitensi siano nelle condizioni migliori per navigare in acque insidiose", ha dichiarato la CIO Sharmin Mossavar-Rahmani in una tavola rotonda sui media.

Matheus Dibo, senior investment strategist di Goldman, ha consigliato di operare utilizzando opzioni che coinvolgono tutti gli spread. Le opzioni sfruttano il vantaggio dell’aumento di prezzo di un titolo e limitano gli svantaggi grazie al fatto di non possedere il titolo.

"L'incertezza è molto elevata, a livello nazionale a causa di tutte le normative e anche all'estero con la questione dell'audit della SEC", ha detto Dibo. "Detto questo, riteniamo che il settore sia stato molto colpito".

A livello nazionale, Alibaba e gli altri titoli cinesi hanno dovuto combattere con regole rigide sulla sicurezza dei dati e sulla concorrenza. All'estero, la spaccatura sulle regole contabili tra le autorità cinesi e la Securities and Exchange Commission ha elevato la minaccia di delisting forzato per i titoli tech cinesi quotati negli Stati Uniti.

Sebbene ci siano stati progressi in merito alle regole di auditing, ancora non è stato raggiunto un accordo e questo resta un tail risk significativo. Comunque, secondo Dibo, "sono state scontate un sacco di cattive notizie in questo settore. Penso che le possibilità di delusione in futuro siano molto minori".

Nonostante la recente stagione degli utili trimestrali abbia rivelato sofferenze finanziarie a causa delle pesanti misure di lockdown anti-Covid in Cina, le tech cinesi continuano a battere le aspettative di vendita e le stime sugli utili di Wall Street.

Goldman continuerà a monitorare la questione delle regole di auditing. Il prossimo Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese può essere un catalizzatore di nuovi annunci rilevanti legati al settore. Anche l’evento di e-commerce del Singles Day in Cina rappresenta un bivio che potrebbe orientare in un senso o nell’altro la prossima stagione degli utili.

Tuttavia, nonostante la crescita spettacolare, Goldman rimane cauta nei confronti della Cina; gli investitori infatti finora non sono stati ricompensati per aver investito in azioni cinesi.

Movimento dei prezzi

Nella sessione pre-market di martedì le azioni BABA cedevano lo 0,35% a 87,35 dollari.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azioni, breakout, criptovalute e opzioni

Continua a leggere su Benzinga Italia