Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.269,16
    -473,66 (-1,36%)
     
  • Nasdaq

    13.389,43
    -12,43 (-0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • EUR/USD

    1,2149
    +0,0015 (+0,12%)
     
  • BTC-EUR

    46.733,27
    +799,05 (+1,74%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.518,53
    +1.275,85 (+525,73%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • S&P 500

    4.152,10
    -36,33 (-0,87%)
     

Google: il “codice rosso” che fa vacillare l'accordo con Apple

·1 minuto per la lettura

AGI  - “Codice rosso”, così secondo il Wall Street Journal viene chiamata all'interno di Google la mossa dell'amministrazione Trump. 

Il Dipartimento di Giustizia Usa si appresta a intentare una causa antitrust contro Google per condotta anticoncorrenziale: sostiene che il gigante ha abusato del suo dominio online nella ricerca per 'soffocare' la concorrenza e danneggiare i consumatori.

La causa segna l'atto più significativo del governo per proteggere la concorrenza dopo il caso contro Microsoft più di 20 anni fa. 

Una mossa che fa vacillare l'accordo tra Google e Apple sul motore di ricerca incorporato nel browser Safari. Una gigantesca fonte di traffico per il gigante del search box. Un patto che potrebbe svanire di fronte alle obiezioni dell'Antitrust e dare un colpo ai fatturati di Google che, come mostrano le trimestrali pubblicate durante il coronavirus, soffrono per le fonti di ricavi non diversificate e de facto tutte basate sulla potenza - e assenza di concorrenti - del motore di ricerca.

L'accordo vale oltre dieci miliardi di dollari, la metà del traffico di Google verrebbe da Apple, il 15-20% dei ricavi ddi Apple sono frutto dell'accordo con Google. Incrocio ricco. E per il Dipartimento della Giustizia pericoloso per la concorrenza.