Italia markets open in 6 hours 41 minutes
  • Dow Jones

    34.639,79
    +617,75 (+1,82%)
     
  • Nasdaq

    15.381,32
    +127,27 (+0,83%)
     
  • Nikkei 225

    27.767,10
    +13,73 (+0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,1301
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    50.217,40
    -692,95 (-1,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.443,57
    +4,69 (+0,33%)
     
  • HANG SENG

    23.788,93
    0,00 (0,00%)
     
  • S&P 500

    4.577,10
    +64,06 (+1,42%)
     

Governo confermerà obbligo indicare origine in etichetta per pasta

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 nov. (askanews) - Il ministero delle Politiche Agricole ha già provveduto ad inviare i decreti di proroga ai ministeri competenti, ovvero quelli della Salute e dello Sviluppo economico, per estendere fino al 31 dicembre 2022 l'obbligo di indicare in etichetta l'origine delle materie prime, in scadenza a fine anno. Saranno interessati la pasta con il grano duro, il pomodoro, il riso, il latte e i prodotti caseari nonché le carni suine trasformate. Lo ha detto il deputato Luciano Cillis, esponente M5S in commissione Agricoltura, durante il question time in Comagri.

"Il MoVimento 5 Stelle - ha detto Cillis - si batte sin dal suo ingresso in Parlamento per un'etichettatura trasparente sull'origine delle materie prime degli alimenti che renda pienamente consapevole il consumatore nelle scelte da compiere. Un risultato raggiunto nel 2018 e da allora prorogato. Si tratta di indicazioni - ha concluso - che costituiscono oramai elementi indispensabili ad orientare le scelte di acquisto dei consumatori, sempre più spesso interessati al prodotto ottenuto e lavorato in Italia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli