Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.206,53
    -7,04 (-0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.811,40
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Governo, ritorno alle trivelle: dove sono i giacimenti di gas

(Adnkronos) - Prima il premier, Giorgia Meloni, nel suo discorso programmatico: "I nostri mari possiedono giacimenti di gas che abbiamo il dovere di sfruttare appieno". Oggi Adolfo Urso, ministro delle Imprese e del Made in Italy: "Mai una mia dichiarazione contraria alle trivellazioni, quando sono necessarie nel rispetto dell'ambiente". Il governo Meloni è pronto a fare ricorso alle trivelle per aumentare la produzione nazionale di metano. Il messaggio è arrivato, chiaro.

Ma a che punto siamo e dove è possibile tornare a sfruttare i giacimenti in mare?

La base da cui partire è la fotografia attuale della geografia dei giacimenti in mare e del loro potenziale di sfruttamento. Il Pitesai è il Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee, ovvero la mappa dei siti dove è possibile estrarre idrocarburi. La maggior parte sono nel Mar Adriatico, davanti alle coste dell'Emilia Romagna, delle Marche, dell'Abruzzo e del Molise, ma ce ne sono altri nel Canale di Sicilia, e ci sono riserve anche nel fondale dello Ionio e a nord-ovest della Sardegna.

I numeri sono eloquenti. In Italia ci sono 1.298 pozzi produttivi di gas naturale. Tra questi, 514 sono 'eroganti', e quindi solo utilizzati per le estrazioni; 750 'non eroganti', ovvero non sono attivi. Altri 32 pozzi servono alla manutenzione e ad altri utilizzi. Non sono pochi e sarebbero in grado di garantire, secondo le stime del Mise, 350 miliardi di metri cubi di gas naturale, tra riserve confermate e potenziali.

In base ai dati del ministero dello Sviluppo economico, nel 2021 l'Italia ha estratto 3,34 miliardi di metri cubi di gas naturale, mentre il consumo si è attestato a 76,1 miliardi di metri cubi. Nelle intenzioni del nuovo governo c'è l'obiettivo dichiarato di accorciare questa distanza, per ridurre la dipendenza dalle importazioni e ritrovare sovranità anche in campo energetico. Per farlo, deve passare anche dal mare. E dalle trivelle. La sfida è farlo nel rispetto dell'ambiente e del territorio.