Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.038,86
    -270,45 (-1,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8576
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4193
    +0,0068 (+0,48%)
     

Governo, Tajani: "In prossimo esecutivo Forza Italia a pari dignità con Lega"

(Adnkronos) - “Come ha detto oggi anche Berlusconi abbiamo pari dignità con la Lega, visto che abbiamo preso gli stessi voti. L’importante però sono i contenuti, non è una questione di poltrone”. Lo ha detto il coordinatore nazionale di Forza Italia, Antonio Tajani, sulla formazione del prossimo governo. Parlando a margine del Villaggio Coldiretti a Milano, Tajani ha spiegato che “pari dignità vuol dire una posizione bilanciata. Questo è importante anche per noi per dare un contributo come anima popolare e anche per l’importanza del ruolo di Silvio Berlusconi”.

"Per Forza Italia Salvini può fare il ministro di qualsiasi dicastero, deve scegliere lui. Poi chiaramente sono il Capo dello Stato e il presidente del Consiglio che esamineranno la lista dei ministri. Però per quanto ci riguarda non ci sono assolutamente problemi" ha risposto Tajani a chi gli chiedeva della possibilità del segretario della Lega di diventare ministro dell’Interno. "Ognuno può scegliere dove ritiene opportuno andare in sintonia con i leader e il Capo dello Stato, a cui spetta l’ultima parola sui ministri e sul presidente del Consiglio da incaricare. L’importante è fare bene e affrontare i problemi degli italiani. I nomi verranno dopo", ha aggiunto il coordinatore nazionale di Forza Italia.

"I totoministri impazzano finché non c'è il governo, è naturale, è fisiologico che ci siano girandole di nomi. Ma nomi non ce ne sono - ha spiegato - I leader stanno lavorando sui contenuti, sulle cose da fare, sulle priorità". E "di priorità ce ne sono tante: c'è la guerra alle porte, la decisione di Putin che deve essere respinta con grande fermezza perché il referendum è una farsa, inaccettabile e tutta la comunità internazionale lo ha respinto. C'è una questione energetica da affrontare, c'è un caro bollette, c'è da puntare molto sulla crescita", ha continuato.

Inoltre "ci sono decisioni non facili da prendere, la situazione non è semplice. Per questo serve una squadra di governo all'altezza della situazione che possa dare risposta ai cittadini italiani e affrontare tutte le emergenze. Sono convinto che il centrodestra al governo farà bene, si impegnerà molto. Il lavoro dei leader è fondamentale", ha concluso.