Italia markets open in 6 hours 37 minutes
  • Dow Jones

    33.336,67
    +27,16 (+0,08%)
     
  • Nasdaq

    12.779,91
    -74,89 (-0,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.233,99
    +414,66 (+1,49%)
     
  • EUR/USD

    1,0317
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • BTC-EUR

    23.116,45
    -366,06 (-1,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    564,39
    -10,35 (-1,80%)
     
  • HANG SENG

    20.082,43
    +471,59 (+2,40%)
     
  • S&P 500

    4.207,27
    -2,97 (-0,07%)
     

Gran Bretagna, Johnson sull'orlo del baratro dopo dimissioni ministri

Il primo ministro britannico Boris Johnson a Madrid

LONDRA (Reuters) - Il primo ministro britannico Boris Johnson sarà messo sotto torchio oggi in Parlamento, con la sua premiership sull'orlo del baratro dopo una serie di dimissioni da parte di ministri che hanno sottolineato la sua inadeguatezza a governare.

Il ministro delle Finanze (cancelliere dello Scacchiere), Rishi Sunak, e quello della Sanità, Sajid Javid, si sono dimessi ieri, insieme a una mezza dozzina di altri membri del governo, dichiarando di non poter più restare dopo l'ultimo di una serie di scandali che hanno colpito l'amministrazione negli ultimi mesi.

Un numero crescente di parlamentari del Partito conservatore al governo ha detto che per Johnson il dado ormai è tratto. Tuttavia, il primo ministro ha dimostrato la propria determinazione a rimanere in carica, nominando Nadhim Zahawi, già ministro dell'Istruzione, come nuovo responsabile delle Finanze, in aggiunta a nuovi sostituti per alcuni degli altri posti vacanti.

"Sospetto che dovremo trascinarlo a calci e urla da Downing Street", ha detto a Reuters un membro del partito conservatore, parlando in condizione di anonimato. "Ma se dobbiamo farlo in questo modo, lo faremo".

Negli ultimi mesi, la leadership di Johnson è stata afflitta da scandali e passi falsi: il primo ministro è stato multato dalla polizia per aver violato le norme sull'isolamento contro il Covid-19 dopo la pubblicazione di un rapporto sul comportamento dei funzionari di Downing Street che non hanno rispettato il lockdown.

A ciò si aggiungono anche inversioni di rotta in ambito politico, una difesa infelice a favore di un parlamentare che ha violato le regole sulle 'lobby' e critiche sulle poche misure adottate per affrontare l'aumento dell'inflazione.

L'ultimo scandalo ha visto Johnson scusarsi per aver assegnato al conservatore Chris Pincher la carica di custode della disciplina di maggioranza in Parlamento nonostante fosse stato informato che il politico era stato oggetto di denunce per cattiva condotta sessuale.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli