Italia markets close in 7 hours 3 minutes
  • FTSE MIB

    21.289,24
    -4,62 (-0,02%)
     
  • Dow Jones

    30.775,43
    -253,88 (-0,82%)
     
  • Nasdaq

    11.028,74
    -149,16 (-1,33%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    105,64
    -0,12 (-0,11%)
     
  • BTC-EUR

    18.860,04
    +216,66 (+1,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    424,10
    -7,37 (-1,71%)
     
  • Oro

    1.793,40
    -13,90 (-0,77%)
     
  • EUR/USD

    1,0458
    -0,0025 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.785,38
    -33,45 (-0,88%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.441,48
    -13,38 (-0,39%)
     
  • EUR/GBP

    0,8628
    +0,0021 (+0,25%)
     
  • EUR/CHF

    1,0013
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3508
    +0,0018 (+0,13%)
     

Grano, in Veneto produzione -20% e prezzi in salita

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 giu. (askanews) - La siccità, con il caldo anticipato di maggio e l'assenza di precipitazioni, causerà un calo della produzione di grano duro e tenero in Veneto. Gli addetti ai lavori prevedono una riduzione delle rese del 20%, anche se la qualità al momento appare buona. Il conflitto in Ucraina, con i cereali fermi nei porti, spinge invece i prezzi al rialzo, anche se rimane il problema degli alti costi di produzione.

"Cominceremo la raccolta tra qualche settimana - spiega in una nota Chiara Dossi, presidente della sezione cereali alimentari di Confagricoltura Veneto e titolare di un'azienda prevalentemente cerealicola ad Adria, in provincia di Rovigo - meteo permettendo. Il grano ha sofferto la lunga assenza di piogge, che ha causato uno stress idrico alle piante. Dove è stato possibile farlo, siamo intervenuti con irrigazioni di soccorso, ma alcuni frumenti seminati hanno comunque presentato uno sviluppo ridotto. In questi giorni sono previste precipitazioni, ma ormai il danno è fatto e prevediamo perdite del 20%".

Le quotazioni sono in aumento. Secondo l'indice della Fao, l'organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, in un anno i prezzi dei cereali sono saliti del 56 per cento. Negli anni passati, in questo periodo, l'Ucraina esportava 5 milioni di tonnellate al mese: "oltre al blocco delle navi nei porti, ci sarà il problema delle semine - sottolinea Dossi - che in tante zone interessate dalla guerra non saranno possibili. Questa carenza sta spingendo in alto i prezzi, ma potrebbe non essere un bene perché, e questo varrà soprattutto per il mais, potrebbe esserci un calo negli acquisti. Resta il problema dei costi di produzione, che in questi primi mesi del 2022 si sono impennati. L'irrigazione è diventata quasi un lusso, dato il balzo del 50% dell'energia, così come i fertilizzanti, rincarati di oltre il 30%".

La superficie coltivata a frumento tenero nel 2021, in Veneto, è salita a circa 95.300 ettari, con un balzo in avanti del 12 per cento (dati di Veneto Agricoltura). Rovigo si conferma la prima provincia per superficie con 25.100 ettari (+7,5 per cento), seguita da Padova (21.500 ettari, +19), Venezia (17.400 ettari, +11,8) e Verona (15.200 ettari, +9,2). Per quanto riguarda il frumento duro la superficie regionale è di 15.000 ettari, con un + 42 per cento nel 2021 dopo il calo registrato nell'anno precedente. Rovigo è in testa con il 65 per cento delle superfici coltivate a livello regionale, pari a circa 9.700 ettari (+46,7 per cento), seguita da Verona (2.100 ettari, +30,4) e Padova (1.700 ettari, +36,6).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli