Italia markets close in 8 hours 15 minutes
  • FTSE MIB

    26.081,13
    +363,67 (+1,41%)
     
  • Dow Jones

    34.764,82
    +506,50 (+1,48%)
     
  • Nasdaq

    15.052,24
    +155,40 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    30.248,81
    +609,41 (+2,06%)
     
  • Petrolio

    73,33
    +0,03 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    37.969,47
    +152,94 (+0,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.112,04
    +3,12 (+0,28%)
     
  • Oro

    1.754,10
    +4,30 (+0,25%)
     
  • EUR/USD

    1,1737
    -0,0010 (-0,08%)
     
  • S&P 500

    4.448,98
    +53,34 (+1,21%)
     
  • HANG SENG

    24.282,02
    -228,96 (-0,93%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.181,87
    -13,05 (-0,31%)
     
  • EUR/GBP

    0,8560
    +0,0006 (+0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0850
    -0,0000 (-0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,4882
    +0,0027 (+0,18%)
     

Green pass al lavoro e tamponi gratis, dialogo Confindustria-sindacati

·2 minuto per la lettura

Green pass sul posto di lavoro - anche nel privato - e tamponi gratis, prove di dialogo tra Confindustria e sindacati in vista della cabina di regia del governo. Sul tavolo anche il tema dell'obbligo vaccinale, introdotto la scorsa settimana dal premier Mario Draghi. Dopo i mesi difficili, tra critiche ed accuse, il leader di Confindustria Carlo Bonomi e i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil hanno compiuto, al termine dell’incontro a viale dell’Astronomia, un primo passo avanti. Tema centrale il green pass - che il governo intende estendere rispetto all'uso attuale - ma soprattutto i tamponi che sia le imprese che i sindacati non intendono far pagare né alle aziende né ai lavoratori. E in attesa della decisione del governo nella prossima cabina di regia, probabilmente giovedì prossimo, chiedono insieme all’esecutivo una parola chiara sui costi.

"Sappiamo che giovedì c’è una cabina di regia del governo e laddove si dovesse decidere, come noi auspichiamo, l'obbligo del green pass all’interno dei luoghi di lavoro e le parti sociali trovassero un accordo su questo, io credo che ci possa essere da parte del governo un riconoscimento di questo passaggio, di questo possibile accordo tra noi e sindacati facendo a quel punto un’operazione di utilità sociale e quindi facendosi carico del corso di tamponi. Sicuramente questi non possono essere a carico delle imprese", spiega Bonomi. Sulla stessa lunghezza d’onda ma su sponde opposte i sindacati: "Quando si parla di sicurezza i costi non possono essere assoluta sulle spalle dei lavoratori", spiega il leader Uil, Pierpaolo Bombardieri che sintetizza la posizione unitaria assunta con Cgil e Cisl.

"Ho sentito affermare che si vorrebbero utilizzare i tamponi per arrivare a licenziare: tutte falsità che non son neanche come commentare", chiarisce Bonomi. "E' ovvio che come tutti i provvedimenti ci deve essere un percorso di accompagnamento e poi un percorso sanzionatorio ma questo sarà opera del governo che farà delle scelte sentite le parti sociali", aggiunge.

"È stato un incontro positivo con Confindustria dopo mesi di mancato confronto. Abbiamo registrato una comune convergenza sulla richiesta al Governo ed al Parlamento di assumersi la responsabilità nell’adottare un provvedimento legislativo che sancisca l’obbligo alla vaccinazione per tutti i cittadini. Il vaccino è l’unica arma che può aiutarci a sconfiggere il Covid", dice il segretario Generale della Cisl, Luigi Sbarra.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli