Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.784,38
    -800,50 (-2,31%)
     
  • Nasdaq

    14.630,69
    -413,28 (-2,75%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,75 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1730
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    37.384,47
    -3.520,85 (-8,61%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.094,07
    -40,31 (-3,55%)
     
  • HANG SENG

    24.099,14
    -821,62 (-3,30%)
     
  • S&P 500

    4.329,65
    -103,34 (-2,33%)
     

Green pass Italia, Bassetti: "Anche sull'autobus"

·2 minuto per la lettura

"Sì al green pass in Italia anche sul trasporto pubblico locale". Lo dice all'Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova, a poche ore dal 'debutto' del green pass che dal 6 agosto secondo le regole sarà obbligatorio in Italia per accedere ad una serie di servizi e attività commerciale. L'elenco per ora non comprende i mezzi pubblici.

"L'anno scorso - domanda l'esperto - quelli che oggi sono contro il Green pass non erano lì a dire che i trasporti pubblici non erano stati messi in sicurezza, che viaggiava troppa gente? E allora? Non è che si può essere sempre contro, alla fine qualche proposta bisogna anche farla. E' chiaro che il Green pass non è lo strumento perfetto - ammette il medico - e lo sappiamo tutti, perché comunque anche chi ha il tampone negativo potrebbe essere nella fase di incubazione e potrebbe anche essere potenzialmente contagiato. Però è evidente che è meglio un rischio ridotto che un rischio pieno. Qualcuno vuole il rischio zero? Sappia che oggi il rischio zero non esiste e non esiste neanche col Green pass. Però è uno strumento che io credo alla fine garantisca un po' di più".

"I controlli? Io penso che bisogna arrivare a una sorta di compromesso col cittadino: non è possibile pensare a un esercito di poliziotti che controllano ogni cosa - ragiona Bassetti - E' un po' come per la patente: quando io vado ad acquistare un'automobile, chi me la vende non mi chiede se ho la patente, la compro e basta. Dopo di che la macchina è lì e la può potenzialmente usare anche uno che non ha la patente, ma che se verrà fermato senza patente avrà determinate sanzioni. Così - secondo l'infettivologo - deve valere anche per il Green pass: deve essere un deterrente. Io ti dico che per prendere l'autobus tu devi avere il Green pass, dopo di che è evidente che quando uno sale sull'autobus non si può controllare uno per uno, se no non si parte più. Ma quando ci sarà il controllo del biglietto del passeggero si chiederà anche il Green pass, e se il passeggero non ce l'ha scatterà la multa".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli