Italia markets open in 32 minutes
  • Dow Jones

    34.930,93
    -127,59 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    14.762,58
    +102,01 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    27.782,42
    +200,76 (+0,73%)
     
  • EUR/USD

    1,1860
    +0,0013 (+0,11%)
     
  • BTC-EUR

    33.815,63
    -0,39 (-0,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    938,39
    +8,46 (+0,91%)
     
  • HANG SENG

    26.169,79
    +695,91 (+2,73%)
     
  • S&P 500

    4.400,64
    -0,82 (-0,02%)
     

Greggio balza con produzione Usa colpita da uragano, scorte in calo

·1 minuto per la lettura
Dei serbatoi di petrolio greggio nell'hub petrolifero di Cushing

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in aumento per il secondo giorno consecutivo, guadagnando oltre il 2%, con l'uragano Sally che ha portato al blocco della produzione di petrolio e gas offshore negli Stati Uniti e i dati Api hanno evidenziato una flessione delle scorte di greggio Usa.

Più di un quarto della produzione offshore degli Stati Uniti è stata sospesa a causa dell'uragano Sally.

Secondo i dati dell'American Petroleum Institute (Api), le scorte di greggio sono diminuite di 9,5 milioni di barili, invece di aumentare come era stato previsto dagli analisti.

Alle 10,45, i futures sul Brent avanzano di 99 centesimi, o del 2,44%, a 41,52 dollari al barile, mentre il greggio statunitense scambia in rialzo di 1,06 dollari, o del 2,77%, a 39,34 dollari al barile. Entrambi i benchmark ieri hanno registrato un rialzo di oltre il 2%.

"Durante la notte, l'Api ha fornito un'ulteriore spinta rialzista", ha detto Stephen Brennock del broker petrolifero Pvm. "Per quanto un certo ottimismo sembri essere tornato sul mercato del petrolio, i fondamentali sottostanti rimangono tutt'altro che favorevoli".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli