Italia Markets open in 1 hr 32 mins

Greggio, Brent in calo in vista di vertice Opec+

Il logo dell'Opec visto presso il quartier generale del gruppo a Vienna, Austria.

LONDRA (Reuters) - Prezzi del greggio in calo in un mercato sottile per via della festa del Ringraziamento negli Usa, mentre dalla prossima riunione dei paesi produttori e dei loro alleati ci si aspetta un prolungamento dell'accordo Opec per sostenere la produzione di petrolio, ma non ulteriori tagli.

Intorno alle 12,20 italiane, il futures sul Brent scambia in ribasso di 48 centesimi a 63,39 dollari al barile, impostato per il maggiore rialzo da aprile, in rialzo di circa il 5,6%.

Il greggio leggero Usa perde 7 centesimi a 58,04 dollari al barile, recuperando le perdite iniziali e segnando la quarta performance settimanale positiva in fila. Su base mensile, il greggio leggero Usa è indirizzato verso un balzo del 7,3%, il maggiore da giugno.

Il dollaro dovrebbe segnare la miglior performance mensile da luglio, rendendo l'acquisto di petrolio più costoso.

Gli occhi degli investitori sono puntati anche sull'incontro della prossima settimana tra i paesi membri dell'Opec ed i loro alleati, come la Russia, un gruppo noto con il nome di Opec+.

Il gruppo di produttori si è accordato per tagliare l'offerta di 1,2 milioni di barili al giorno fino a marzo in un quadro dove la produzione Usa è in continuo rialzo su livelli record.

Le imprese petrolifere russe hanno proposto ieri di mantenere le loro quote di produzione invariate, mettendo pressione sull'Opec+ per evitare grossi cambiamenti di strategia durante il vertice del 5-6 dicembre.

Alcuni paesi hanno superato le loro quote, rendendo l'ottemperanza alle regole un tema che verrà probabilmente trattato durante l'incontro che coincide con l'annuncio del prezzo definitivo dell'Ipo di Saudi Aramco.

I prezzi del petrolio sono anche zavorrati dalle dichiarazioni di Pechino su possibili "ferme contromisure" contro Washington in risposta alla legge statunitense che supporta le proteste antigovernative ad Hong Kong.


Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia