Italia markets open in 5 hours 18 minutes
  • Dow Jones

    35.490,69
    -266,19 (-0,74%)
     
  • Nasdaq

    15.235,84
    +0,12 (+0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.765,12
    -333,12 (-1,14%)
     
  • EUR/USD

    1,1600
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    50.718,78
    -2.064,38 (-3,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.408,10
    -66,23 (-4,49%)
     
  • HANG SENG

    25.648,42
    +19,68 (+0,08%)
     
  • S&P 500

    4.551,68
    -23,11 (-0,51%)
     

Greggio, Brent oltre 80 dollari il barile su minore offerta

·2 minuto per la lettura
Riserve di petrolio in Texas

LONDRA (Reuters) - Il greggio avanza per il sesto giorno consecutivo, stimolato dalla minor offerta e dal solido outlook per la domanda, anche se i disagi energetici in Cina, a danno della produzione industriale, hanno limitato il rally.

Intorno alle ore 12,55 italiane, i futures sul Brent avanzano di 64 centesimi, o dello 0,8%, a 80,17 dollari il barile, dopo aver toccato i massimi da ottobre 2018 a 80,75. Il Brent ieri ha guadagnato l'1,8%.

I futures sul greggio Usa scambiano in rialzo di 85 centesimi, o dell'1,1%, a 76,3 dollari il barile, dopo aver toccato i massimi di sessione a 76,67 dollari il barile, valore più alto da inizio luglio. Il contratto ha guadagnato ieri il 2%.

Gli uragani Ida e Nicholas, che hanno colpito il Golfo del Messico ad agosto e settembre, hanno danneggiato piattaforme, oleodotti e centri di trattamento, sospendendo la maggioranza della produzione offshore per intere settimane.

A danno dell'offerta, i principali esportatori di petrolio africani, Nigeria e Angola, avranno difficoltà ad aumentare la loro produzione in linea con le quote fissate dall'Opec almeno fino al prossimo anno, a causa dei disagi in termini di sottoinvestimenti e manutenzione, secondo fonti.

Le loro difficoltà rispecchiano i disagi di diversi membri Opec+, che hanno tagliato la produzione per sostenere i prezzi e ora faticano ad aumentarla e far fronte alla ripresa della domanda.

"I mercati petroliferi stanno accelerando, mentre i persistenti deficit dell'offerta stanno riducendo la copertura delle scorte ai loro minimi da decenni", si legge in una nota Barclays.

La banca ha alzato le stime per il Brent e il greggio Usa nel 2022, rispettivamente a 77 e 74 dollari il barile.

Morgan Stanley stima il Brent intorno ai 77,5 dollari il barile nel terzo trimestre, secondo lo scenario base, e a 85 dollari il barile in uno scenario rialzista.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli