Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    34.580,52
    +262,41 (+0,76%)
     
  • Dow Jones

    40.000,90
    +247,15 (+0,62%)
     
  • Nasdaq

    18.398,45
    +115,04 (+0,63%)
     
  • Nikkei 225

    41.190,68
    -1.033,34 (-2,45%)
     
  • Petrolio

    82,18
    -0,44 (-0,53%)
     
  • Bitcoin EUR

    52.970,69
    +842,78 (+1,62%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.211,27
    +12,70 (+1,06%)
     
  • Oro

    2.416,00
    -5,90 (-0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,0910
    +0,0040 (+0,37%)
     
  • S&P 500

    5.615,35
    +30,81 (+0,55%)
     
  • HANG SENG

    18.293,38
    +461,05 (+2,59%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.043,02
    +66,89 (+1,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8397
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    0,9751
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4865
    +0,0053 (+0,36%)
     

Greggio, Brent stabile sopra 85 dlr in vista dati scorte Usa

Petroliera a Zhoushan

LONDRA (Reuters) - I futures sul Brent rimangono stabili, attestandosi leggermente al di sotto dei massimi di sette settimane, mentre il mercato attende i dati sulle scorte statunitensi.

Intorno alle 11,20, il Brent di agosto è in rialzo di 5 centesimi, o dello 0,05%, a 85,11 dollari al barile.

** I futures sul West Texas Intermediate (Wti) di luglio, in scadenza oggi, sono in calo di 15 centesimi, o dello 0,18%, a 81,42 dollari.

Gli investitori attendono la pubblicazione dei dati sulle scorte statunitensi da parte dell'Energy Information Administration (Eia), con un giorno di ritardo per via della festività di ieri negli Stati Uniti.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Un rapporto di settore pubblicato martedì ha mostrato che le scorte di greggio degli Stati Uniti sono aumentate di 2,264 milioni di barili nella settimana conclusasi il 14 giugno, riferiscono fonti di mercato citando i dati dell'American Petroleum Institute, mentre le scorte di benzina sono diminuite.

Nei primi scambi, i futures sul Brent avevano registrato guadagni, con il mercato che valutava la notizia dell'avanzata dei carri armati israeliani a Gaza, che ha sollevato timori per le forniture di petrolio provenienti dalla regione.

Tuttavia, le aspettative di un aumento delle scorte sembrano per ora mettere in secondo piano i timori di un'escalation delle tensioni geopolitiche, secondo Priyanka Sachdeva, senior market analyst per Phillip Nova.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Francesca Piscioneri)