Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.838,54
    -143,56 (-0,90%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Greggio, in calo su allentamento tensioni geopolitiche e timori domanda cinese

Tubature presso lo stabilimento di Strategic Petroleum Reserve a Freeport, in Texas

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in ribasso, messi sotto pressione dall'allentamento delle tensioni geopolitiche e dalle preoccupazioni per la domanda cinese, anche se i segnali di un'offerta più limitata, tra cui la diminuzione delle scorte statunitensi, offrono sostegno.

La Polonia e la Nato hanno detto ieri che il missile che si è schiantato nel sud-est della Polonia, paese membro della Nato, è probabilmente un missile finito fuori rotta, lanciato dalla difesa aerea dell'Ucraina e non un attacco russo, attenuando i timori che la guerra tra Russia e Ucraina si estenda oltre il confine.

Intorno alle 10,40 il Brent è in calo di 34 centesimi, o dello 0,37%, a 92,52 dollari al barile. Anche il greggio statunitense West Texas Intermediate (Wti) perde 52 centesimi, o lo 0,61%, a 85,07 dollari al barile.

A pesare sul mercato sono anche i timori per la debolezza della domanda in Cina, il primo importatore di greggio al mondo.

Oggi la Cina ha registrato un aumento delle infezioni giornaliere di Covid-19. I raffinatori cinesi hanno chiesto di ridurre il volume di greggio saudita a dicembre, ha riferito Reuters, e stanno anche rallentando gli acquisti di greggio russo.

Un sostegno alle quotazioni arriva dai dati sulle scorte di greggio degli Stati Uniti, scese di oltre 5 milioni di barili nell'ultima settimana, più di quanto previsto dagli analisti.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Andrea Mandalà)