Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.196,60
    -19,02 (-0,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Greggio in calo su estensione restrizioni anti Covid Cina

Una pompa petrolifera a Midland, Texas

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in ribasso dopo che il principale importatore di greggio, la Cina, ha esteso le restrizioni anti Covid-19, anche se i benchmark sono indirizzati a un bilancio della settimana in positivo grazie ai timori sull'offerta e ai dati economici sorprendentemente positivi.

I futures sul Brent sono in ribasso di 42 centesimi, o dello 0,43%, a 96,54 dollari al barile, dopo essere saliti dell'1,3% nella seduta precedente. I futures del greggio statunitense West Texas Intermediate (Wti) perdono 67 centesimi, o lo 0,75%, a 88,41 dollari al barile.

Entrambi i benchmark, tuttavia, sono avviati a chiudere la settimana in crescita, con il Brent che si avvia a un guadagno di circa il 3% e il Wti di circa il 4%.

I cali di oggi si sono verificati dopo che ieri le città cinesi hanno intensificato le misure di contenimento anti Covid-19, isolando gli edifici e attuando dei lock down nei quartieri in un tentativo di fermare i focolai crescenti.

A limitare le perdite, tuttavia, è stato il forte rimbalzo del prodotto interno lordo (Pil) degli Stati Uniti nel terzo trimestre, che ha messo in evidenza la capacità di ripresa della più grande economia e primo consumatore di petrolio del mondo.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)