Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    40.423,82
    -1.109,70 (-2,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

Greggio in calo, tagli su prezzi sauditi alimentano timori domanda

·1 minuto per la lettura
Il logo Saudi Aramco a Abqaiq, in Arabia Saudita

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in ribasso, estendendo le perdite dopo che l'Arabia Saudita - il principale esportatore mondiale -ha tagliato i prezzi del greggio per l'Asia durante il fine settimana, mossa che riflette il fatto che i mercati globali sono ben forniti e timori per le prospettive della domanda.

Alle 11,55 circa, i futures sul Brent di novembre scambiano in ribasso di 46 centesimi​​, ovvero ​​​​​​​​​​​​​dello​​​​​ 0,63%, a 72,15​ dollari al barile, mentre i contratti di ottobre del greggio Usa cedono ​47 centesimi, o ​​​​​​​​​​​​​​​​​lo​​​​​​​​ 0,66​%, a 68,83 dollari al barile.

Entrambi i contratti sono scesi di oltre un dollaro negli scambi iniziali.

Il gigante petrolifero statale Saudi Aramco ha comunicato domenica in una nota ai clienti che ridurrà i prezzi di vendita ufficiali (Osp) di ottobre per tutti i tipi di greggio venduti in Asia, la sua più grande regione di acquisto, di almeno un dollaro al barile.

I tagli dei prezzi sono stati maggiori del previsto, secondo un sondaggio Reuters delle raffinerie asiatiche.

"Gli Osp per l'Asia sono ribassisti, segnalando una domanda più debole e un'offerta potenzialmente più elevata", ha detto l'analista di Energy Aspects, Virendra Chauhan.

Le forniture globali di petrolio stanno aumentando poiché i paesi Opec e i loro alleati, gruppo noto come Opec+, stanno aumentando la produzione di 400.000 barili al giorno ogni mese tra agosto e dicembre.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli