Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.797,98
    +507,90 (+1,53%)
     
  • Nasdaq

    14.128,25
    +97,87 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    28.010,93
    -953,15 (-3,29%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    +0,0051 (+0,43%)
     
  • BTC-EUR

    27.581,23
    -1.560,41 (-5,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    804,13
    -46,22 (-5,44%)
     
  • HANG SENG

    28.489,00
    -312,27 (-1,08%)
     
  • S&P 500

    4.218,10
    +51,65 (+1,24%)
     

Greggio, estende guadagni su piano ripristino forniture Opec+ e prospettive domanda

·1 minuto per la lettura
Una miniatura di una pompa petrolifera davanti il logo Opec

di Bozorgmehr Sharafedin

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in rialzo, sostenuti dalla decisione dell'Opec+ di continuare a reintrodurre gradualmente le forniture sul mercato, oltre che dal ritmo lento dei colloqui sul nucleare tra Iran e Stati Uniti.

Alle 11,20 circa i futures sul Brent sono in rialzo di 64 centesimi, o lo 0,9%, a 70,89 dollari al barile. I futures sul greggio Usa guadagnano 53 centesimi, o lo 0,8%, a 68,24 dollari al barile.

"Le solide dinamiche relative alla domanda di greggio e i probabili ritardi nei colloqui per un accordo sul nucleare iraniano hanno portato i prezzi del petrolio oltre la soglia attentamente monitorata dei 70 dollari", ha detto Norbert Rucker, analista presso la banca svizzera Julius Baer.

"Ci attendiamo che i prezzi del greggio inizino a muoversi oltre i 70 dollari al barile verso metà anno".

Aspettandosi una ripresa della domanda di carburante, l'Organizzazione dei Paesi produttori di petrolio e gli alleati, gruppo conosciuto come Opec+, ha concordato ieri di continuare a ridurre i tagli alla produzione per tutto il mese di luglio.

Gli analisti hanno inoltre detto che i lenti progressi nei colloqui sul nucleare iraniano permetteranno alla domanda di riprendersi prima del ritorno sul mercato del greggio di produzione iraniana.

Secondo due diplomatici Occidentali e un funzionario iraniano, i colloqui si interromperanno probabilmente domani, ma non è chiaro se riprenderanno prima delle elezioni presidenziali del 18 giugno in Iran.

Gli investitori monitoreranno anche i report sulle scorte di prodotti raffinati a cura dell'American Petroleum Institute (Api), previsto per oggi, e dell'Energy Information Administration (Eia), che verrà pubblicato domani.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli