Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    33.116,35
    +479,16 (+1,47%)
     
  • Nasdaq

    12.083,95
    +343,29 (+2,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    115,04
    +0,95 (+0,83%)
     
  • BTC-EUR

    26.570,18
    -1.057,76 (-3,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    617,70
    -11,80 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.852,00
    +4,40 (+0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,0732
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • S&P 500

    4.143,91
    +86,07 (+2,12%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8495
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0274
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,3652
    -0,0049 (-0,36%)
     

Greggio estende guadagni, timori offerta superano lockdown in Cina

Una pompa petrolifera a Calgary, Canada

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono saliti per il quarto giorno consecutivo, con i timori per l'interruzione delle forniture russe che hanno prevalso sui lockdown imposti in Cina, primo importatore di petrolio al mondo.

Alle 11,40 i futures sul Brent sono in rialzo di 2,06 dollari, o dell'1,9%, a 109,65 dollari al barile, dopo aver guadagnato il 2,1% nella seduta precedente. Il contratto di giugno è in scadenza oggi. Il contratto di luglio, più attivo, sale di 1,48 dollari a 108,74 dollari.

I futures sul greggio Usa guadagnano 1,32 dollari, o l'1,3%, a 106,68 dollari, dopo essere saliti del 3,3% ieri.

Entrambi i contratti sono impostati per terminare la settimana e il quinto mese consecutivo in rialzo, sostenuti da un aumento delle possibilità che la Germania si unisca ad altri Stati membri dell'Unione europea in un embargo sul petrolio russo.

I prezzi del petrolio sono rimasti volatili, tuttavia, con la Cina che non mostra segnali di voler allentare le misure di lockdown, nonostante l'impatto sull'economia e sulle catene di approvvigionamento globali.

Per quanto riguarda l'offerta, è probabile che l'Opec+ si attenga agli accordi esistenti e concordi un altro piccolo aumento della produzione per giugno durante la riunione del 5 maggio, come comunicato ieri a Reuters da sei fonti del gruppo di produttori.

Tuttavia, la produzione russa di petrolio potrebbe scendere fino del 17% quest'anno, secondo un documento del ministero dell'Economia visto da Reuters, poiché le sanzioni occidentali per l'invasione russa dell'Ucraina hanno danneggiato gli investimenti e le esportazioni.

Le sanzioni rendono sempre più difficile per le navi russe inviare il petrolio ai clienti, spingendo EXXON MOBIL CORP a dichiarare lo stato di forza maggiore per le operazioni Sakhalin-1 e ridurre la produzione.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, editing Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli