Italia markets close in 6 hours 48 minutes
  • FTSE MIB

    22.783,68
    +81,24 (+0,36%)
     
  • Dow Jones

    33.309,51
    +535,11 (+1,63%)
     
  • Nasdaq

    12.854,80
    +360,88 (+2,89%)
     
  • Nikkei 225

    27.819,33
    -180,63 (-0,65%)
     
  • Petrolio

    91,90
    -0,03 (-0,03%)
     
  • BTC-EUR

    23.724,53
    +1.255,43 (+5,59%)
     
  • CMC Crypto 200

    576,64
    +45,42 (+8,55%)
     
  • Oro

    1.801,60
    -12,10 (-0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,0331
    +0,0029 (+0,28%)
     
  • S&P 500

    4.210,24
    +87,77 (+2,13%)
     
  • HANG SENG

    20.082,43
    +471,59 (+2,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.747,85
    -1,50 (-0,04%)
     
  • EUR/GBP

    0,8449
    +0,0021 (+0,25%)
     
  • EUR/CHF

    0,9710
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,3187
    +0,0031 (+0,24%)
     

Greggio, leggero rialzo in vista colloqui G7 su nuove sanzioni russe

Tre operai presso una raffineria petrolifera a Houston, Texas

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio segnano un leggero rialzo nel corso di una seduta volatile, con gli investitori che attendono eventuali mosse contro le esportazioni di petrolio e gas russo che potrebbero emergere dalla riunione dei leader del G7 in Germania.

La prospettiva di forniture ancora più limitate incombe sul mercato, mentre i governi occidentali cercano di ridurre la capacità della Russia di finanziare la guerra in Ucraina, anche se si prevede che i leader del G7 discutano anche di un rilancio dell'accordo sul nucleare iraniano, che potrebbe portare a maggiori esportazioni di petrolio iraniano.

I membri dell'OPEC+, tra cui la Russia, probabilmente si atterranno a un piano per accelerare l'aumento della produzione di petrolio ad agosto nel corso di una loro riunione prevista per giovedì, secondo quanto riportato dalle fonti.

Intorno alle 12,15 i futures sul Brent guadagnano 43 centesimi a 113,62 dollari al barile dopo il rimbalzo del 2,8% di venerdì. Il greggio statunitense è a 107,9 dollari al barile, in aumento di 22 centesimi, o dello 0,29%, dopo un guadagno del 3,2% nella seduta precedente.

Entrambi i contratti hanno registrato perdite la scorsa settimana per la seconda settimana consecutiva, con i rialzi dei tassi di interesse nelle principali economie che hanno rafforzato il dollaro e alimentato i timori di recessione.

I leader del G7, che hanno avviato il loro vertice ieri, dovrebbero discutere le possibili opzioni per affrontare l'aumento dei prezzi dell'energia e sostituire le importazioni di petrolio e gas dalla Russia, nonché ulteriori sanzioni che non pesino sull'inflazione.

Queste misure includono un possibile tetto massimo di prezzo sulle esportazioni di petrolio russo per ridurre le entrate di Mosca e limitare allo stesso tempo i danni alle altre economie.

Il G7 discuterà anche la prospettiva di rilanciare i colloqui sul nucleare iraniano, dopo che l'Alto rappresentante per gli affari esteri dell'Unione europea, Josep Borrell, ha incontrato alcuni alti funzionari a Teheran per cercare di sbloccare i negoziati, in fase di stallo. Lo ha detto ieri un funzionario della presidenza francese.

Inoltre, alcuni leader del G7 stanno spingendo per un riconoscimento della necessità di nuovi finanziamenti per gli investimenti nelle energie fossili, hanno detto due fonti a Reuters, mentre gli Stati europei stanno cercando di diversificare le forniture.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli