Italia markets close in 3 hours 36 minutes
  • FTSE MIB

    25.275,02
    +197,88 (+0,79%)
     
  • Dow Jones

    33.874,24
    -71,34 (-0,21%)
     
  • Nasdaq

    14.271,73
    +18,46 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    28.875,23
    +0,34 (+0,00%)
     
  • Petrolio

    72,98
    -0,10 (-0,14%)
     
  • BTC-EUR

    28.219,73
    -436,80 (-1,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    813,32
    +3,12 (+0,39%)
     
  • Oro

    1.785,10
    +1,70 (+0,10%)
     
  • EUR/USD

    1,1943
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • S&P 500

    4.241,84
    -4,60 (-0,11%)
     
  • HANG SENG

    28.882,46
    +65,39 (+0,23%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.114,00
    +38,06 (+0,93%)
     
  • EUR/GBP

    0,8580
    +0,0039 (+0,46%)
     
  • EUR/CHF

    1,0970
    +0,0021 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,4680
    +0,0002 (+0,01%)
     

Greggio a nuovi massimi pluriennali su ripresa domanda

·1 minuto per la lettura
Serbatoi di petrolio greggio presso l'hub di Cushing

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio toccano nuovi massimi pluriennali e sono sulla buona strada per il terzo guadagno settimanale consecutivo, sulle aspettative di una ripresa della domanda di carburante in Europa, Cina e Stati Uniti grazie all'aumento dei tassi di vaccinazione.

Alle 10,55 circa, i futures sul Brent scambiano in rialzo di 19 centesimi​​, ovvero dello​​​​​​​​​​​​​​​​​​ 0,26%, a 72,71​ dollari al barile, dopo aver archiviato la sessione ieri ai massimi da maggio 2019.

Bene anche il greggio Usa, che avanza di ​16 centesimi, o dello​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ 0,23​%, a 70,45 dollari al barile, dopo aver chiuso ieri al livello massimo da ottobre 2018.

La banca d'investimenti statunitense Goldman Sachs prevede che i prezzi del greggio Brent raggiungeranno gli 80 dollari al barile quest'estate, in quanto i progressi nei programmi di vaccinazione stanno dando impulso all'attività economica globale.

L'Agenzia internazionale per l'energia ha detto nel suo rapporto mensile che i produttori di petrolio dell'Opec+ dovrebbero aumentare la produzione per soddisfare la domanda, che è destinata a tornare ai livelli pre-pandemici entro la fine del 2022.

"L'Opec+ deve aprire i rubinetti per mantenere adeguatamente riforniti i mercati petroliferi mondiali", ha detto l'autorità di vigilanza sull'energia con sede a Parigi.

I dati che mostrano il ritorno del traffico stradale ai livelli pre-Covid-19 in Nord America e nella maggior parte dell'Europa sono stati incoraggianti, hanno detto in una nota gli analisti di ANZ Research.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Roma Stefano Bernabei, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli