Italia markets close in 4 hours 58 minutes
  • FTSE MIB

    26.457,31
    +124,32 (+0,47%)
     
  • Dow Jones

    35.457,31
    +198,70 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.129,09
    +107,28 (+0,71%)
     
  • Nikkei 225

    29.255,55
    +40,03 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    82,09
    -0,87 (-1,05%)
     
  • BTC-EUR

    54.950,99
    +1.035,88 (+1,92%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.481,24
    +17,88 (+1,22%)
     
  • Oro

    1.779,50
    +9,00 (+0,51%)
     
  • EUR/USD

    1,1631
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • S&P 500

    4.519,63
    +33,17 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    26.136,02
    +348,81 (+1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.169,30
    +2,47 (+0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8448
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0738
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4361
    -0,0014 (-0,10%)
     

Greggio, Opec+ fatica ad aumentare produzione per soddisfare domanda

·2 minuto per la lettura
Una miniatura di una pompa petrolifera davanti il logo dell'Opec

LONDRA (Reuters) - Ad agosto l'Opec e i Paesi alleati hanno avuto ancora una volta difficoltà a produrre petrolio a sufficienza per soddisfare la domanda globale in ripresa dalla pandemia di coronavirus, con potenziali nuove pressioni al rialzo sui prezzi della materia prima.

Diversi Paesi dell'Opec+ come Nigeria, Angola e Kazakistan hanno fatto fatica a incrementare la produzione negli ultimi mesi a causa di anni di investimenti insufficienti o degli importanti lavori di manutenzione rimandati a causa della pandemia di Covid-19.

I tentativi di imbrogliare e produrre al di sopra degli obiettivi hanno tradizionalmente rappresentato uno dei principali problemi dell'Opec, ma la situazione è cambiata negli ultimi anni poiché gli investimenti sono confluiti nel settore delle rinnovabili nell'ambito della transizione energetica.

Nonostante l'aumento delle rinnovabili il mondo continua a consumare quantità di greggio vicine a livelli record, esercitando ulteriori pressioni su Arabia Saudita e gli altri principali produttori Opec del Golfo affinché producano maggiori quantità di greggio nei prossimi anni.

Due fonti dell'Opec+ hanno riferito a Reuters che la conformità dell'Opec+ con i tagli alla produzione di petrolio è salita al 116% nel mese di agosto. Le cifre, che non prendono in considerazione il Messico, si confrontano con il 109% di luglio e arrivano in un momento in cui il gruppo ha deciso di aumentare la produzione di 400.000 barili al giorno per i mesi di agosto e settembre.

L'incapacità di alcuni Paesi membri di aumentare la produzione ai livelli concordati suggerisce il possibile sviluppo di divari di fornitura, mentre il gruppo continua a incrementare la produzione ogni mese per neutralizzare il resto dei tagli record all'offerta operati nel 2020.

In questo modo i principali produttori come l'Arabia Saudita potrebbero doversi fare carico del peso maggiore se la domanda dovesse riprendersi davvero e superare i livelli pre-pandemia, cosa che secondo le previsioni potrebbe accadere già nel secondo trimestre del prossimo anno.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Sabina Suzzi, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli