Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.782,60
    -303,44 (-0,89%)
     
  • Nasdaq

    11.568,71
    -15,84 (-0,14%)
     
  • Nikkei 225

    27.346,88
    +19,77 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0918
    +0,0052 (+0,48%)
     
  • BTC-EUR

    21.143,86
    -206,83 (-0,97%)
     
  • CMC Crypto 200

    522,11
    +279,43 (+115,14%)
     
  • HANG SENG

    22.072,18
    +229,85 (+1,05%)
     
  • S&P 500

    4.059,92
    -16,68 (-0,41%)
     

Greggio, prezzi in calo, aumento scorte Usa superano ottimismo su Cina

Il sole tramonta dietro a una pompa petrolifera a Saint-Fiacre, vicino Parigi, in Francia

LONDRA (Reuters) - Il petrolio è in ribasso proseguendo il calo della seduta precedente dopo che l'aumento delle scorte di greggio negli Stati Uniti e timori per una recessione globale prevalgono sull'ottimismo per la ripresa della domanda in Cina.

Il prezzo del greggio è salito quest'anno grazie alla fine dei controlli Covid in Cina e alla speranza su un rallentamento del ritmo di rialzo dei tassi d'interesse statunitensi

Tuttavia, secondo alcuni analisti, la velocità della ripresa della domanda cinese appare incerta.

Intorno alle 11,20 Brent è in calo di 13 centesimi a 86,00 dollari al barile, dopo essere sceso del 2,3% nella seduta precedente.

Il greggio statunitense West Texas Intermediate perde 19 centesimi, pari allo 0,24%, a 79,94 dollari, dopo il calo dell'1,8% di ieri.

Per quanto riguarda l'offerta, il volume dovrebbe essere mantenuto costante da parte dell'Opec+.

Secondo alcune fonti è probabile che un gruppo di esperti dell'Opec+ approverà l'attuale politica del gruppo in occasione della riunione del 1° febbraio.

Ad ottobre, l'Opec+ ha deciso di ridurre la produzione di 2 milioni di barili al giorno da novembre al 2023, a causa dell'indebolimento delle prospettive economiche.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Andrea Mandalà)