Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1868
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    31.997,53
    -1.034,49 (-3,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    925,68
    -17,77 (-1,88%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     

Greggio, prezzi estendono perdite su attese aumento offerta

·2 minuto per la lettura
Una miniatura di una pompa petrolifera davanti al logo Opec

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio calano, estendendo le perdite mentre gli investitori si preparano a un aumento delle scorte grazie al compromesso raggiunto tra i produttori, e salgono le scorte di carburante Usa, generando timori sullo stato della domanda nel maggiore consumatore mondiale di greggio.

Alle 11,15 il Brent cede lo 0,74% a quota 74,23 dollari a barile, mentre i futures sul greggio Usa perdono lo 0,89% a 72,48 dollari a barile.

Entrambi i prezzi hanno perso oltre il 2% ieri, dopo che Reuters ha riportato la notizia del compromesso raggiunto da Arabia Saudita ed Emirati Arabi e che dovrebbe spianare la strada ad un accordo per aumentare l'offerta di greggio e raffreddare i prezzi.

Le trattative in seno all'Opec+, gruppo che comprende i paesi Opec e i loro alleati tra cui la Russia, si erano arenate all'inizio di luglio, dopo l'obiezione emiratina all'estensione dell'accordo sulle restrizioni all'offerta oltre aprile 2022.

Tuttavia, gli analisti di Goldman Sachs, Citi and UBS si aspettano che l'offerta non aumenti in maniera significativa nei mesi a venire, anche se l'Opec+ riuscisse a raggiungere un accordo per aumentare la produzione.

Negli Usa, le riserve di greggio sono calate per l'ottava settimana consecutiva, mentre le scorte di benzina e diesel sono aumentate malgrado il calo del tasso di utilizzo delle raffinerie, secondo quanto emerge dai dati dell'Energy information administration.

D'altro canto la Cina, che è il principale paese importatore di greggio, ha registrato volumi record di raffinazione del greggio a giugno, allentando parte della pressione al ribasso sui prezzi del greggio.

Altrove, la prospettiva di un rapido ritorno del greggio iraniano sul mercato si è dissipata, con le negoziazioni per la riesumazione dell'accordo del 2015 che non ricominceranno prima dell'entrata in carica del nuovo presidente.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli