Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    47.974,09
    +2.038,38 (+4,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2168
    +0,0100 (+0,83%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8694
    +0,0012 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4751
    +0,0088 (+0,60%)
     

Greggio, prezzi in leggero rialzo su solidi dati cinesi

·2 minuto per la lettura
Una pompa petrolifera nel bacino del Permiano

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio avanzano leggermente sulla scia dei buoni dati cinesi sulle importazioni, mentre i mercati sembrano ignorare le tensioni in Medio Oriente che finora non hanno creato disagi per l'offerta di petrolio.

Intorno alle 11,25 italiane, i futures sul Brent scambiano in rialzo di 47 centesimi, o dello 0,7%, a 63,75 dollari il barile, e i futures sul greggio Usa guadagnano 32 centesimi, o lo 0,5%, a 60,01 dollari il barile.

Entrambi i contratti sono indirizzati verso la quinta sessione con oscillazioni inferiori al punto percentuale.

Le esportazioni cinesi a marzo sono aumentate a un ritmo sostenuto, l'ennesimo contributo alla ripresa economica della nazione asiatica, con la domanda globale in aumento di pari passo con le vaccinazioni a livello mondiale contro il Covid-19, mentre la crescita delle importazioni è aumentata ai massimi di quattro anni.

Le importazioni di greggio in Cina sono balzate del 21% a marzo da una base di confronto bassa un anno fa, grazie alla maggiore attività delle raffinerie.

A sostegno delle quotazioni anche le attese di una flessione delle scorte di greggio statunitense per la terza settimana di fila, mentre le riserve di distillati e di benzina sono probabilmente aumentate, secondo un sondaggio preliminare pubblicato ieri da Reuters.

Tuttavia la produzione di greggio statunitense di sette importanti formazioni di scisto è attesa in crescita per il terzo mese consecutivo, secondo quanto riportato ieri dall'Eia.

Il movimento Houthi yemenita ha annunciato ieri di aver lanciato 17 droni e due missili balistici contro bersagli in Arabia Saudita, tra cui stabilimenti Saudi Aramco a Jubail e Jeddah, anche se non c'è stata un'immediata conferma da parte delle autorità saudite.

"L'intensificazione delle tensioni geopolitiche avrà un impatto rialzista notevole sui prezzi del greggio solo se sarà accompagnato da concreti problemi delle forniture", scrivono gli analisti Pvm in una nota.