Italia markets close in 6 hours 45 minutes
  • FTSE MIB

    23.802,88
    +121,31 (+0,51%)
     
  • Dow Jones

    31.802,44
    +306,14 (+0,97%)
     
  • Nasdaq

    12.609,16
    -310,99 (-2,41%)
     
  • Nikkei 225

    29.027,94
    +284,69 (+0,99%)
     
  • Petrolio

    65,36
    +0,31 (+0,48%)
     
  • BTC-EUR

    45.551,64
    +3.408,41 (+8,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.093,80
    +69,60 (+6,80%)
     
  • Oro

    1.700,50
    +22,50 (+1,34%)
     
  • EUR/USD

    1,1903
    +0,0051 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    3.821,35
    -20,59 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    28.773,23
    +232,40 (+0,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.771,07
    +7,83 (+0,21%)
     
  • EUR/GBP

    0,8566
    -0,0003 (-0,04%)
     
  • EUR/CHF

    1,1113
    +0,0022 (+0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,5008
    +0,0014 (+0,09%)
     

Greggio, prezzi in leggero rialzo, taglio offerta contrastano timori virus

·2 minuto per la lettura
Pompe petrolifere in un campo a Midland, in Texas

SINGAPORE (Reuters) - I prezzi del greggio avanzano, pur scambiando in un range ristretto, con i timori legati alle nuovi varianti di coronavirus e alla lenta distribuzione dei vaccini in contrasto con il taglio dell'offerta saudita e il calo delle scorte Usa.

Intorno alle 11,45 italiane, i futures sul Brent per marzo, in scadenza oggi, avanzano di 35 centesimi, o dello 0,63%, a 55,88 dollari il barile. Il contratto di aprile, più attivo, guadagna 38 centesimi, o lo 0,69%, a 55,48 dollari.

I futures sul greggio Usa avanzano di 19 centesimi, o dello 0,36%, a 52,53 dollari il barile.

"Le restrizioni alla domanda, legate ai lockdown, sono state contrastate da una sufficiente riduzione dell'offerta... evitando un significativo calo o aumento dei prezzi", ha scritto Carsten Fritsch, analista di Commerzbank.

L'Arabia Saudita si appresta a tagliare la propria offerta di 1 milione di barili al giorno a febbraio e marzo. Il rispetto dei tagli dell'offerta da parte dell'Opec+ è migliorato a gennaio.

I prezzi sono stati sostenuti anche da un calo di 9,9 milioni di barili nelle scorte di greggio statunitensi, rilevato la settimana scorsa, e le previsioni di una leggera flessione nella produzione petrolifera statunitense a febbraio.

Tuttavia, i guadagni del mercato sono stati limitati dai timori di una lenta distribuzione dei vaccini e dalla diffusione delle nuove varianti di coronavirus.

La lotta dell'Europa per garantire la fornitura di vaccini contro il Covid-19 si è intensificata ieri, quando l'Unione europea ha dichiarato a gruppi farmaceutici come AstraZeneca di essere disposta a usare ogni mezzo legale, anche blocchi alle esportazioni, per assicurarsi di ricevere le dosi promesse.

"Il rimbalzo previsto nella domanda globale di petrolio dipende in buona parte dalla distribuzione dei vaccini contro Covid-19", ha detto Stephen Brennock di PVM.

"Ogni perdita di slancio nei programmi di vaccinazione minerà la solidità della ripresa mondiale della domanda di petrolio", ha aggiunto.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)