Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    40.414,84
    -1.155,41 (-2,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

Greggio, prezzi verso 73 dollari su offerta Usa ridotta, call Biden-Xi

·2 minuto per la lettura
Una bandiera cinese e una bandiera statunitense a Shanghai

LONDRA (Reuters) - Il greggio avanza verso i 73 dollari il barile, grazie ai crescenti segnali di un'offerta ridotta negli Stati Uniti, per l'impatto dell'uragano Ida, e alle speranze sul commercio Usa-Cina che spingono gli asset rischiosi.

Circa tre quarti della produzione offshore nel Golfo statunitense, ovvero circa 1,4 milioni di barili al giorno, sono rimasti sospesi da fine agosto.

I dati Eia di questa settimana hanno mostrato che le scorte di greggio statunitensi sono calate ai minimi da settembre 2019.

"Con la lenta ripresa della produzione offshore di greggio, è probabile che l'effetto di Ida sarà ancora percepibile nelle prossime settimane", ha detto Stephen Brennock di PVM.

Intorno alle ore 10,55 italiane, i futures sul Brent avanzano di 1,21 dollari, o l'1,7%, a 72,66 dollari il barile. I futures sul greggio Usa scambiano a 69,29 dollari, in rialzo di 1,15 dollari o dell'1,7%.

Il mercato petrolifero e le borse sono stati stimolati dalle notizie di una call tra il presidente Usa Joe Biden e il leader cinese Xi Jinping. La call ha alimentato le speranze di relazioni più amichevoli tra le due nazioni, a favore del commercio globale, secondo gli analisti.

"La call tra Biden e Xi ha avuto lo stesso effetto sui mercati petroliferi che ha avuto su altri asset" ha detto Jeffrey Halley, analista di OANDA.

Il Brent si prepara a chiudere la settimana in leggero rialzo, dopo aver guadagnato quasi il 40% finora quest'anno, stimolato dai tagli dell'offerta da parte dell'Opec+ e dalla parziale ripresa della domanda dalla pandemia.

Si attendono per la prossima settimana le revisioni sull'outlook della domanda di greggio per il 2022, da parte dell'Opec e dell'Iea, per comprendere se la diffusione della variante Delta del Covid-19 ritarderà il completo ritorno della domanda ai livelli del 2019.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli