Italia markets close in 4 hours 24 minutes
  • FTSE MIB

    24.434,34
    -6,54 (-0,03%)
     
  • Dow Jones

    33.849,46
    -497,57 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    11.049,50
    -176,86 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    79,32
    +2,08 (+2,69%)
     
  • BTC-EUR

    15.889,54
    +150,31 (+0,95%)
     
  • CMC Crypto 200

    389,96
    +9,67 (+2,54%)
     
  • Oro

    1.771,20
    +15,90 (+0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,0382
    +0,0038 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    3.963,94
    -62,18 (-1,54%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.943,76
    +8,25 (+0,21%)
     
  • EUR/GBP

    0,8635
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9858
    +0,0045 (+0,46%)
     
  • EUR/CAD

    1,3960
    +0,0011 (+0,08%)
     

Greggio in rialzo 3% su calo dollaro e prossima entrata in vigore embargo Ue

Una pompa petrolifera a Midland, Texas

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in rialzo di oltre il 3% grazie alla discesa del dollaro, con l'embargo dell'Ue sul petrolio russo che si appresta a entrare in vigore e con gli investitori che valutano le prospettive di un allentamento delle restrizioni anti-Covid in Cina.

Sebbene i timori di una recessione globale limitino i guadagni, intorno alle 13,35 i futures sul Brent sono in aumento di 2,9 dollari, o del 3,06%, a 97,57 dollari al barile, e vanno verso un guadagno settimanale di oltre il 2%.

I futures sul greggio statunitense Wti guadagnano 3,12 dollari, o il 3,54%, a 91,29 dollari, indirizzati verso un rialzo settimanale di oltre il 4%.

Entrambi i contratti sono sostenuti dall'indebolimento del dollaro, che può favorire la domanda di petrolio rendendo i beni più economici per chi possiede altre valute.

Se da un lato i timori per la domanda pesano sul mercato, dall'altro l'offerta dovrebbe restare limitata a causa dell'embargo che l'Unione europea ha deciso di imporre sul petrolio russo e del calo delle scorte di greggio negli Stati Uniti.

Il divieto Ue sulle importazioni di greggio russo entrerà in vigore il 5 dicembre. Sono ancora in fase di discussione i dettagli del G7 sul price cap, finalizzato a ridurre i vincoli sulle forniture russe al di fuori dell'Ue.

La Cina, nel frattempo, sta mantenendo le severe restrizioni anti-Covid, dopo che ieri si è registrato il maggior aumento dei casi da agosto, sebbene un ex funzionario cinese addetto al controllo della pandemia abbia detto che presto saranno apportate modifiche significative alla politica del Paese in materia.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)