Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.863,23
    +604,91 (+1,77%)
     
  • Nasdaq

    15.079,52
    +182,68 (+1,23%)
     
  • Nikkei 225

    29.639,40
    -200,31 (-0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,1751
    +0,0055 (+0,47%)
     
  • BTC-EUR

    38.095,35
    +979,36 (+2,64%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.122,99
    +14,06 (+1,27%)
     
  • HANG SENG

    24.510,98
    +289,44 (+1,19%)
     
  • S&P 500

    4.463,62
    +67,98 (+1,55%)
     

Greggio in rialzo in attesa riunione Opec+

·2 minuto per la lettura
Pompa petrolifera a Midland

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in rialzo in vista della riunione dell'Opec+ in cui è probabile che il gruppo dei Paesi esportatori decida di confermare il piano che prevede di aggiungere 400.000 barili al giorno (bpd) ogni mese fino a dicembre.

Opec, Russia e gli alleati, gruppo noto come Opec+, si riuniranno alle 17,00. Il gruppo ha aumentato le previsioni per la domanda di petrolio relativa al prossimo anno, secondo fonti Opec+, mossa che potrebbe perorare la causa di un incremento dell'output.

** Alle 12,40 i futures sul Brent per il contratto di novembre guadagnano 19 centesimi, o lo 0,2%, a 71,82 dollari al barile. Il greggio Usa per il contratto di ottobre è a 68,68 dollari al barile, in rialzo di 18 centesimi, o dello 0,3%.

** L'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha sollecitato l'Opec+ ad aumentare la produzione per contrastare l'aumento dei prezzi della benzina, che vede come una minaccia per la ripresa dell'economia globale.

** A sostenere i prezzi anche il report di ieri a cura dell'American Petroleum Institute (Api), che mostra che le scorte di greggio negli Stati Uniti sono scese di 4 milioni di barili per la settimana terminata il 27 agosto.

** In vista dei dati settimanali a cura dell'Energy Information Administration (Eia), previsti per le 16,30 un sondaggio di analisti intervistati da Reuters ha previsto un calo delle scorte pari a 3,1 milioni di barili.

** Ci si attende tuttavia che i prezzi del greggio Usa restino sotto pressione, mentre la produzione offshore di gas e petrolio nel Golfo del Messico riprende lentamente, anche se secondo gli analisti ci vorrà del tempo affinché le operazioni di raffinazione tornino alla normalità.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli