Italia Markets closed

Greggio, in rialzo dopo pressioni Opec per rispettare tagli forniture

·2 minuti per la lettura
Una miniatura di una pompa petrolifera davanti al logo Opec
Una miniatura di una pompa petrolifera davanti al logo Opec

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio salgono per il quarto giorno consecutivo, con il greggio impostato per archiviare la settimana in rialzo di circa il 10%, dopo che l'Arabia saudita ha fatto pressione sui Paesi alleati affinché rispettino le quote di produzione e banche come Goldman Sachs hanno previsto un deficit di offerta.

Alle 10,45 i futures sul Brent guadagnano 13 centesimi a 43,43 dollari al barile, mentre i futures sul greggio Usa sono in rialzo di 8 centesimi a 41,05 dollari al barile.

Entrambi i contratti sono impostati per registrare i guadagni settimanali più forti da inizio giugno, dopo che l'uragano Sally ha provocato un taglio alla produzione negli Stati Uniti e l'Opec e i suoi alleati hanno concordato nuove misure per fronteggiare la debolezza del mercato.

Goldman Sachs ha previsto che il mercato sarà in deficit di 3 milioni di barili al giorno entro il quarto semestre e ha ribadito l'obiettivo del Brent a 49 dollari entro la fine dell'anno e a 65 dollari entro il terzo trimestre del 2021.

Anche la banca svizzera Ubs ha fatto riferimento alla possibilità di un deficit di offerta nel mercato del petrolio, stimando che il Brent salirà a 45 dollari al barile nel quarto trimestre e a 55 dollari entro metà 2021.

Nel frattempo, una tempesta tropicale nella zona occidentale del Golfo del Messico minaccia di trasformarsi in un uragano nei prossimi giorni, mettendo potenzialmente a rischio altri impianti petroliferi negli Stati Uniti.

L'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio e gli altri produttori dell'Opec+ stanno tagliando la produzione di 7,7 milioni di barili al giorno e il gruppo ha sottolineato nella riunione di ieri che prenderà provvedimenti nei confronti dei membri che non rispettano l'accordo.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi)